Ghisallo, omaggio a Vincenzo Torriani

Mostra Vincenzo Torriani

Un tributo a Vincenzo Torriani con le immagini – e non solo – che hanno caratterizzato la sua storia di patron delle più importanti gare ciclistiche italiane. Al Museo del Ciclismo al Ghisallo è stata inaugurata la mostra dedicata all’organizzatore, scomparso 25 anni fa.
A fare gli onori di casa il presidente della struttura, Antonio Molteni, e la direttrice Carola Gentilini. Presenti i tre figli di Torriani, Marco, Milly e Gianni, che tra l’altro hanno donato alcuni cimeli, come una targa “direttore di gara” e una bicicletta da bambino che fu regalata loro da Fausto Coppi. Tra gli ospiti, il presidente del Coni Regionale, Marco Riva, e l’ex corridore ed opinionista Riccardo Magrini. Espansione Tv si è collegata in diretta con il Museo nel corso della trasmissione Etg+ Today.
La mostra rimarrà aperta fino al prossimo 7 novembre, giorno in cui l’esposizione permanente chiuderà per osservare la consueta pausa invernale.
A Torriani il figlio Gianni ha dedicato il libro “L’ultimo patron-Una vita per il Giro” in cui, con una intervista immaginaria, i due dialogano lungamente. Nel non mancano riferimenti comaschi. Leggendo si scopre anche che, durante lavori casalinghi a Canzo, Torriani rischiò di perdere la vita. Sempre a Canzo da personaggi locali venne a sapere dell’esistenza di una mulattiera che, una volta ripulita, diventò famosa come Muro di Sormano, uno dei punti “storici” di passaggio del Giro di Lombardia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.