Gianluca Zambrotta, amarcord degli esordi con l’Alebbio

Gianluca Zambrotta piccolo

Alle origini del campione del mondo di Germania 2006. In un momento di “amarcord” Gianluca Zambrotta sulla sua pagina Facebook ha voluto condividere qualche immagine dei tempi in cui ha iniziato a giocare a calcio e a militare nell’Alebbio.
Nato nel 1977, il futuro iridato fin dall’inizio ha mostrato le sue qualità, visto che, oltre a quella della squadra, Gianluca ha pubblicato le foto di premiazioni. Era il 1988 e nel primo torneo della sua storia Zambrotta ricevette i riconoscimenti di capocannoniere e di migliore giocatore della manifestazione. Un talento che non sfuggì agli osservatori del Como, allora capitanati da Mino Favini, il talent-scout azzurro scomparso nell’aprile del 2019.
Lo stesso Favini ha sempre raccontato che ai primi allenamenti con il Como, Gianluca non si sentiva a suo agio, piangeva e voleva tornare a casa. Per tranquillizzarlo invitò la madre ad assistere alle sedute. Una scelta vincente, ripagata dai risultati: oltre al titolo di campione del mondo con l’Italia, il comasco ha vestito le maglie di grandi club internazionali come Milan, Barcellona e Juventus.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.