Giorgi: «Ho onorato maglia azzurra e spirito olimpico»

Eleonora Giorgi Tokyo 2021

Nel giorno di un nuovo trionfo per l’Italia della marcia, non è andata come si auspicava l’avventura olimpica a Tokyo della comasca Eleonora Anna Giorgi (nella foto Colombo/Fidal).
L’atleta cabiatese ha concluso nelle retrovie nella 20 chilometri dominata da Antonella Palmisano. La pugliese delle Fiamme Gialle ha trionfato nella gara e ha regalato all’Italia la quarta medaglia d’oro dell’atletica, poche ore prima del successo della 4×100 maschile.
Giorgi è andata in difficoltà nella parte iniziale della competizione. Al sesto chilometro, dopo il richiamo di un giudice, si è fermata, in crisi fisica e psicologica. La Fidal, la Federazione di atletica, a quel punto ha annunciato il suo ritiro.
Ma la cabiatese non si è data per vinta e ha deciso di ripartire per vedere il traguardo in quella che è stata la sua terza avventura olimpica. E quando Palmisano l’ha affiancata, Eleonora Anna ha voluto incoraggiare l’altra azzurra, che si stava involando verso l’oro, il secondo della marcia, dopo quello ottenuto l’altro ieri da Massimo Stano.
Alla fine Giorgi ha terminato al 52° posto con il riscontro cronometrico di 1h46’46’’. Cinque anni fa a Rio de Janeiro per lei era giunta una squalifica, mentre nel 2012 a Londra aveva terminato in 14ª posizione.
«Grazie di cuore per i vostri messaggi – è stato il post che la comasca ha scritto sui social dopo la prova disputata sulle strade di Sapporo, 1.000 chilometri a Nord di Tokyo – Mi avete emozionato tanto. La gara non è andata come sognato, ma ho voluto onorare la maglia azzurra e lo spirito olimpico. Grazie. Vi voglio bene e super complimenti ad Antonella per la medaglia d’oro».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.