Giovanissimi, in Svizzera via libera al vaccino: sì a Pfizer

Emergenza sanitaria Covid a Como

Svizzera, via libera al vaccino Pfizer per i giovani tra i 12 e i 15 anni.
Lo ha deciso nelle ore scorse la Swissmedic, l’autorità svizzera di omologazione e controllo dei medicamenti e dei dispositivi medici che ha approvato l’estensione dell’omologazione ordinaria temporanea del siero Pfizer a questa fascia d’età. Ecco allora che anche per questa parte di giovanissimi si potrà procedere all’inoculazione del siero anti Covid-19.
I risultati dello studio eseguito sui giovani, e utilizzato proprio per capire nel dettaglio tutti i possibili effetti e le controindicazioni, sono stati presentati e valutati. Innanzitutto il vaccino dovrà essere somministrato due volte, come per le persone di età superiore ai 16 anni. Durante lo studio clinico, il siero ha dimostrato un’efficacia di quasi il 100% nella fascia di età considerata.

I giovani partecipanti allo studio hanno ricevuto la stessa dose degli adulti e la reazione immunitaria è stata paragonabile a quella dei partecipanti più grandi (dai 16 ai 25 anni). Anche gli effetti collaterali in questa fascia di età sono stati analoghi a quelli notificati durante gli studi clinici concernenti i giovani dai 16 ai 25 anni e gli adulti. I sintomi più frequenti sono stati dolore nel punto di iniezione, stanchezza, mal di testa, brividi, dolori muscolari, febbre o dolori articolari. Gli effetti collaterali, che sono durati generalmente da uno a tre giorni, possono essere più pronunciati dopo la seconda dose.

Sempre in ambito di effetti collaterali, in questo caso però in relazione a tutta la popolazione, va detto come fino allo scorso 2 giugno sono state esaminate 2.701 notifiche di sospette reazioni avverse in relazione alle vaccinazioni contro il Covid-19 in Svizzera. La maggior parte delle segnalazioni riporta più di una reazione (complessivamente 7.065 reazioni nelle 2.701 notifiche, ossia una media di 2,6 reazioni per notifica).
La maggior parte delle notifiche registrate, ossia 1.751 (64,8%), è stata classificata come non seria, mentre 950 (35,2%) sono state le notifiche di casi seri.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.