Cronaca, Università

Giurisprudenza a Como, boom di immatricolazioni

Il Chiostro di Sant'Abbondio, una delle sedi comasche dell'Università dell'Insubria
Il Chiostro di Sant’Abbondio, una delle sedi comasche dell’Università dell’Insubria

Se nel resto d’Italia il fascino della toga sembra tramontare, a Como la realtà dice una cosa diversa. Il corso di laurea in Giurisprudenza dell’Università dell’Insubria è infatti sugli scudi. Le matricole aumentano e a un mese dal termine delle iscrizioni ha già superato i numeri dello scorso anno.

Barbara Pozzo, direttrice del Dipartimento di Diritto, Economia e Culture, legge queste cifre con la logica conseguenza di una programmazione iniziata molto tempo fa. «Siamo in controtendenza rispetto al trend nazionale da tempo. Già l’anno scorso si era infatti avuto un incremento di immatricolazioni di un terzo rispetto al 2016».

Sino a oggi, le nuove iscrizioni erano 90 a Como e 88 a Varese. «I motivi di questo successo sono molteplici – dice ancora la professoressa Pozzo – Credo in particolare la forte impronta internazionale che abbiamo dato al nostro programma».

A partire dal doppio titolo di studi con la Francia e dalla borsa di studio Erasmus raddoppiata dall’Ateneo lariano. «Alla Statale di Milano, i posti disponibili per ottenere il doppio titolo con la Francia sono gli stessi che a Como ma con una popolazione studentesca di oltre 1. 200 matricole – dice ancora Pozzo – Negli ultimi anni abbiamo letteralmente moltiplicato le mete Erasmus, la borsa di studio è stata raddoppiata e in sostanza tutti gli studenti interessati a fare questa esperienza sono messi nelle condizioni di partire».

La «forte internazionalizzazione dei corsi di studi», insiste la direttrice del dipartimento di Sant’Abbondio, è sicuramente il punto di forza dell’università comasca.

«Le scuole estive e i visiting professor dall’estero qualificano l’Ateneo, ma credo che sia fondamentale anche il mantenimento di solidi rapporti con il territorio e con le attività professionali e imprenditoriali», spiega Barbara Pozzo. Che cita un esempio molto chiaro: «Il percorso di diritto svizzero permette ai laureati all’Insubria di frequentare il corso di perfezionamento per la preparazione dell’esame di avvocato in Svizzera».

Un’opportunità sfruttata a piene mani anche da molti studenti provenienti direttamente dal Canton Ticino.

«Non dimentichiamo il titolo congiunto con Economia che permette di laurearsi, in 6 anni, sia in Economia che in Giurisprudenza», aggiunge Pozzo.

Ecco perché nonostante il calo generale degli iscritti in tutta Italia, il corso comasco di Giurisprudenza riesce tuttora ad attrarre centinaia di matricole ogni anno.

«L’ultimo riconoscimento è stato l’inserimento al 1° posto in Lombardia del nostro corso di laurea nella Guida Censis – la Repubblica – aggiunge Barbara Pozzo – una guida che certifica la qualità dei nostri docenti e i servizi offerti agli studenti».

I conti, in ogni caso, si faranno alla fine. Per le iscrizioni c’è tempo sino al 1° ottobre 2018.

7 settembre 2018

Info Autore

Dario Campione

Dario Campione dcampione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto