Gli altri hotel, così Como guarda al domani

Le realtà in divenire
In viale Innocenzo e in piazza Cavour si lavora a nuove iniziative
Alberghi abbandonati lungo le sponde del lago e hotel che invece potrebbero sorgere proprio in centro città. Continuano il loro iter negli uffici di Palazzo Cernezzi alcuni progetti studiati con l’intento di creare nuove strutture ricettive in riva al lago.
Innanzitutto nell’area ex Danzas affacciata su viale Innocenzo all’incrocio con la strada che porta alla stazione di San Giovanni. Si tratterà di un lavoro imponente: 22mila metri cubi sviluppati su oltre 7mila metri quadrati

di superficie. L’idea – presentata dalla società Vega Srl – è quella di costruire un hotel su 4 piani, con un ristorante al quinto, ipotizzato come struttura indipendente. Le camere previste sono 152, con due piani interrati adibiti a parcheggio per 149 posti auto.
«Gli uffici comunali hanno terminato l’iter tecnico – spiega il dirigente del settore Attività produttive del Comune di Como, Marco Fumagalli – Da una ventina di giorni il progetto è in Segreteria generale per la futura iscrizione e discussione in consiglio comunale dove dovrebbe arrivare, presumibilmente, entro la fine dell’anno».
Altro fronte caldo: l’ex hotel San Gottardo, la struttura compresa tra piazza Cavour e via Cairoli chiusa 25 anni fa. Il 22 luglio 2011 il consiglio comunale ha adottato il piano di recupero e restauro presentato dalla società Beatrice d’Este di Milano. Non verrà più realizzato un albergo ma l’edificio ospiterà negozi, uffici e appartamenti.
«Il 19 novembre scadrà il termine per presentare eventuali osservazioni. Scaduto il quale – spiega il dirigente del settore Urbanistica di Palazzo Cernezzi, Roberto Laria – il procedimento sarà chiuso e andrà in giunta».
Le facciate dell’ex San Gottardo manterranno le caratteristiche attuali in termini stilistici. Avranno destinazione residenziale 1.949 metri quadrati (734 con recupero funzionale del sottotetto), per un totale di 6.234 metri cubi, mentre la parte commerciale occuperà 1.931 metri quadrati. Ultimo fronte aperto, l’insediamento di via Manzoni dove dovrebbe sorgere un hotel a 4 stelle. La struttura, di 6 piani più altri 2 interrati adibiti a posteggio, andrebbe a inserirsi tra due edifici già esistenti. Una curiosità: sulla facciata saranno installate anche alcune “mini-serre” con vegetazione di varia natura per dare un aspetto “bio” all’intera costruzione. Sul tetto, infine, è stata pensata una grande terrazza-solarium che – grazie all’altezza – permetterà di godere della vista lago.
«È in programma per il 15 novembre una conferenza di servizi e se tutti i pareri saranno favorevoli, il progetto andrà in consiglio comunale. Fatti salvi tempi procedurali, dovrebbe arrivare in aula tra gennaio e febbraio. Sono tutte operazioni strategiche per incentivare il turismo», spiega sempre il dirigente

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
Disegno del progetto del maxi albergo da realizzare nell’area dell’ex Danzas

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.