Gli artigiani si interrogano sul presente e sul futuro

Oggi il convegno al Castello di Casiglio
Benati: «Abbiamo sofferto cinque anni di recessione, ma chi ha resistito è più solido»
“L’economia cambia. Quale futuro?”. È questa la domanda che caratterizzerà l’incontro di oggi degli artigiani comaschi di Cna con Renato Mannheimer, presidente dell’istituto di statistica Ispo e tra gli esperti di economia più quotati e ascoltati a livello nazionale. E se la domanda è impegnativa, qualche certezza non manca: «Il settore a Como è solido – afferma il presidente di Cna Como, Enrico Benati – Dopo cinque anni di crisi le aziende artigiane del territorio hanno comunque
mostrato una tenuta di fondo. Hanno sofferto, ovviamente, ma sono ancora solide». Senza lasciarsi andare alle lamentele e alle recriminazioni, che pure sarebbero molte, Benati rimarca i punti di forza della categoria. «Gli artigiani – dice – sono gente coi piedi per terra, concreti; tenaci e competenti nel loro lavoro; con strutture medio/piccole, per lo più a carattere familiare, flessibili, che quindi hanno potuto anche ridimensionarsi di fronte alla crisi e al calo degli ordini».
Insomma, in una situazione generale certamente grave il settore degli artigiani a Como e dintorni non è in condizioni disperate. In condizioni difficili, ma affrontabili. Sul “come” ci si interrogherà, appunto, oggi pomeriggio a partire dalle ore 17 al Castello di Casiglio, a Erba, in un incontro organizzato da Cna insieme alle due banche di credito cooperativo del territorio, quella di Cantù e quella di Alzate Brianza, presenti anche i rispettivi presidenti Angelo Porro e Giovanni Pontiggia. Con loro il sindaco di Erba Marcella Tili, il prefetto di Como Michele Tortora, il presidente della Camera di commercio lariana Paolo De Santis e il presidente di Cna Lombardia Fausto Cacciatori. In chiusura dell’appuntamento, la premiazione degli artigiani Cna per la fedeltà associativa e il riconoscimento all’impegno associativo “Filippo Minotti”.
«Insieme – prosegue Enrico Benati – cercheremo di capire come uscire dalla crisi, quali prospettive ci attendono e come devono attrezzarsi le aziende per coglierle al meglio. La situazione di estrema difficoltà economica è infatti un dato di fatto: ci siamo interrogati per anni sulla pesantezza, sulla durata possibile o ipotetica della crisi. Abbiamo tergiversato, aspettato “luci in fondo al tunnel” illusorie. Ora è il momento, a nostro parere, di cercare percorsi, strategie, soluzioni».
Senza la pretesa di dare risposte certe e univoche, ma con la massima competenza e scientificità, il professor Renato Mannheimer punterà l’attenzione sui cambiamenti, quelli già realizzati e quelli in atto, dell’economia. E aiuterà gli artigiani a ipotizzare un futuro.

Giorgio Civati

Nella foto:
Un artigiano del legno al lavoro nel suo laboratorio. Il settore dell’artigianato ha vissuto negli ultimi anni una grave crisi economica

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.