Gomma dell’auto distrutta in via Bixio: comasca presenta il conto

Buche in città

Buche in città Buche sull’asfalto in città

Complice la pioggia che ha imperversato questa settimana, a Como l’asfalto a Como si sgretola in maniera inarrestabile. E i cittadini sono esasperati. Un’automobilista giovedì sera ha avuto l’amara sorpresa di uno pneumatico della sua vettura squarciato dopo il passaggio in una grossa buca mentre saliva in direzione Monte Olimpino nella parte alta di via Nino Bixio.
La donna, che è impiegata in una azienda del centro di Como, ha presentato il conto al Comune. Infatti ha fatto protocollare con tanto di foto esplicative del danno e il preventivo per la riparazione una formale richiesta di risarcimento che è stata indirizzata all’ufficio legale di Palazzo Cernezzi.
«Il comando della polizia locale cui mi sono rivolta – ha detto ieri al “Corriere di Como” – mi ha riferito che la mia richiesta di danni non è l’unica in questi giorni». Segno che la situazione buche rischia di sfuggire di mano. Ieri si è corsi ai ripari nel percorso a ostacoli in via Nino Bixio, dove è stata posta una toppa in un punto particolarmente rovinato del manto stradale. Le buche, spesso piene di acqua in questi giorni di pioggia, rappresentano un rischio reale e costante non solo per i veicoli ma anche per i pedoni.

Articoli correlati

2 Commenti

  • C'era una volta l'Italia , 15 Aprile 2018 @ 18:50

    Chi più spende, meno spende. Le strade svizzere, almeno quelle del Canton Ticino, sono come un biliardo, eppure non è che il maltempo venga fermato in dogana. Ne consegue che gli svizzeri usino prodotti e sistemi all’avanguardia e, a differenza degli italiani, effettuino controlli severi al momento della posa. Certamente il tutto costerà anche di più rispetto alla schifezza che viene messa da noi, ma poi noi spendiamo il triplo per i rattoppi e per i risarcimenti. E’ tutta una questione di cervello!

  • Ettore Tocci , 14 Aprile 2018 @ 18:26

    Tanto di cappello alla malcapitata !!
    Doveroso presentare il conto soprattutto in assenza di indicazioni stradali sul dissesto della strada .
    Una prassi ,quella della signora ,del tutto normale e codibisa dallo scrivente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.