Grande nevicata prevista sul Lario. Precipitazioni intense da domani

altIl primo test già oggi pomeriggio, a rischio la partita del Como
(p.an.) L’hanno già definita “The Big Snow”, la grande nevicata, la perturbazione che lunedì arriverà anche sul Lario.
I primi fiocchi sulla Penisola sono caduti già ieri in Calabria e inizialmente la preallerta dell’Arpa Lombardia riguardava pure oggi pomeriggio.
Un problema non di poco conto per la città di Como. Oggi pomeriggio è in programma al Sinigaglia Como-Reggiana e, già con una nevicata di pochi centimetri la tribuna dello stadio sarebbe inagibile, come ha spiegato venerdì sera il sindaco Mario Lucini. «Domenica c’è il primo test – spiega Lucini – passato indenne il pomeriggio pensiamo alla

nevicata di lunedì. L’assessore Daniela Gerosa e i nostri tecnici hanno già preallertato le imprese, fortunatamente lunedì e martedì ci saranno le scuole chiuse e di conseguenza il traffico sarà ridotto».
Anche perché lunedì “The Big Snow” potrebbe scaricare qualcosa come 30 centimetri di neve.
La perturbazione dal Nord Atlantico raggiungerà il Comasco questa sera prima nella fascia prealpina occidentale, poi in estensione in serata ai restanti settori alpini e prealpini.
Le temperature minime sono calate ancora e hanno fatto abbassare lo zero termico tra i 200 e i 300 metri. Domani lo stato del cielo sarà da molto nuvoloso a coperto ovunque. Le precipitazioni saranno diffuse per tutta la giornata, con nevicate da deboli a moderate. Lo zero termico sarà attorno ai 200 metri, ossia la quota sul livello del mare della città di Como. Martedì nella prima parte della giornata ancora molto nuvoloso con nevicate residue in graduale esaurimento, in giornata attenuazione della nuvolosità.
Il Piano Neve
Le imprese che per conto del Comune di Como si occupano del servizio di sgombero neve sono già state allertate dagli uffici. Identica procedura quella messa in atto in tutti i comuni, da Villa Saporiti per la rete stradale provinciale e dall’Anas e Società Autostrade per le statali e per l’A9.
Obbligo gomme termiche o catene da neve
Per quanto riguarda le strade del Comune di Como e le provinciali, si ricorda che fino al 31 marzo, in caso di nevicate o in presenza di ghiaccio, per circolare su tutte le strade sono obbligatorie le gomme termiche (pneumatici da neve) o mezzi antisdrucciolevoli omologati, installati in presenza di precipitazioni nevose.
In alternativa gli automobilisti potranno viaggiare solo se dotati di catene. Le catene vanno montate solo in caso di neve e smontate appena le strade vengono pulite. Proprio a causa delle catene su auto e mezzi pesanti, infatti, le strade provinciali si sono ridotte a dei gruviera.
L’obbligo di gomme termiche o catene (a bordo) vale due settimane in più, ossia fino al 15 aprile sulla rete Anas. L’Anas individua in provincia di Como una sola statale con questo obbligo, si tratta della Statale 36 tra Gera Lario e Madesimo. Questi obblighi vengono evidenziati con un’apposita segnaletica verticale.
Lasciate l’auto in garage
È il momento degli appelli a non uscire di casa. «L’invito che rivolgiamo – commenta l’assessore alla Mobilità Daniela Gerosa – è di prestare la massima attenzione e di utilizzare l’auto solo se strettamente necessario».
Anche la Gerosa confida nella riduzione del traffico per l’assenza di lezioni negli istituti scolastici del territorio per il Carnevale di rito romano. Lunedì molti negozi sono inoltre tradizionalmente chiusi.
«Fortunatamente lunedì e martedì le scuole sono chiuse per le festività di Carnevale e questo contribuirà ad avere meno traffico sulle strade a vantaggio dei necessari interventi. Come sempre poi, mi rimetto al senso civico dei cittadini. Dalla neve si esce insieme e per minimizzare i disagi dobbiamo cercare di essere tutti collaborativi».

Nella foto:
L’obbligo di gomme termiche o di catene è in vigore fino alla fine di marzo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.