Grandine sul Lario, il bilancio dei danni

Serra distrutta

Chicchi di grandine grandi come palline da tennis.
È accaduto nel tardo pomeriggio di martedì, in particolare tra Pusiano, Eupilio e Lambrugo. Il maltempo, arrivato dal Lecchese, si è abbattuto anche sulla provincia di Como, causando diversi danni.
Vetri delle auto in frantumi, carrozzerie segnate, alberi abbattuti: la grandine è caduta violentemente poco prima delle 19. In pochi minuti giardini e strade si sono imbiancati. Diversi gli interventi che hanno impegnato i vigili del fuoco sul territorio, fra tubature rotte, tapparelle pericolanti e alberi sradicati da vento e grandine.
E l’allarme è arrivato anche dalla Coldiretti per le serre distrutte, le coltivazioni di ortaggi e piccoli frutti devastate, con raccolti compromessi e danni per diverse migliaia di euro per ciascuna delle imprese agricole colpite.
I danni segnalati riguardano soprattutto il Lecchese, ma, come detto, il maltempo si è spinto fino all’Erbese e al lago di Pusiano: oltre a Lecco, sono Valmadrera, Civate, Suello e Galbiate i centri più colpiti.
Anche il vento forte ha scoperchiato le tettoie di diverse strutture agricole e allettato le coltivazioni nel Canturino e nella Bassa Comasca, intorno a Lomazzo. Danni gravi nei vivai in zona Lambrugo, dove alcune reti antigrandine sono state sfondate.
«Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Italia, dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma – rimarca il presidente di Coldiretti Como Lecco, Fortunato Trezzi – con precipitazioni brevi e intense e il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi».
meteo
Intanto per oggi le previsioni indicano ancora brutto tempo. Il cielo sarà infatti in prevalenza coperto con precipitazioni a tratti intense a carattere temporalesco, in particolare sulla fascia prealpina e alpina. Ma soprattutto, considerando i danni di martedì, va segnalato che saranno possibili ulteriori grandinate. Atteso infine un sensibile calo delle temperature.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.