Greta Marturano e Alice Gasparini, esordio 2021 in Liguria

Alice Gasparini Greta Marturano

Il ciclismo femminile è pronto a ripartire. Domani la prima gara italiana della stagione per la categoria Elite, la più importante, con due comasche al via Greta Marturano e Alice Gasparini. L’appuntamento è in Liguria, con il Trofeo Città di Ceriale, sulla distanza di 98 chilometri.
Le due lariane – nell’immagine affiancate in una gara in Friuli del passato – sono state confermate dalle rispettive squadre: Marturano nella Top Girls-Fassa Bortolo, Gasparini dal team dell’ex “Pro” Giovanni Fidanza, che nel 2021 ha cambiato nome (Isolmant-Premac-Vittoria) e colori sociali (dal neroverde al rossonero).
Greta ha l’obiettivo di migliorare un 2020 nel complesso positivo; Alice punta a riscattarsi dopo una stagione che non è stata all’altezza delle aspettative.
Marturano, 23 anni, di Mariano, è entrata nel ranking iridato: piazzandosi al 428° posto mondiale e 28° in Italia. Dodici mesi fa la comasca ha esordito conquistando la casacca di migliore giovane alla Setmana Ciclista Valenciana e, dopo il lockdown e la ripartenza con il ridisegno dei calendari, ha vinto una tappa del Giro Rosa delle Marche.
«Anche nel 2021 avrei dovuto esordire alla Setmana Valenciana – spiega Greta Marturano – ma poi tutto è saltato a causa del Covid. Mi dispiace perché l’anno scorso tutto era andato bene e non mi sarebbe dispiaciuto rifarla. Domani in Liguria c’è un percorso abbastanza adatto alle mie caratteristiche, ma in verità non mi sento al 100%; abbiamo fatto, in questo senso, una precisa scelta di preparazione, ma è pur vero che bisognerà vedere anche la condizione delle altre partecipanti. Sicuramente sono molto curiosa di vedere come andrà».
«La nostra è una buona squadra – aggiunge – siamo comunque in buona forma, anche se non al massimo, e possiamo farci vedere. Poi vedremo l’evoluzione della situazione generale: noi abbiamo in programma una serie di gare, tra cui le Strade Bianche in Toscana e la prova di Cittiglio, vicino a casa, che comunque non sarà semplice, sia come tracciato, sia per sua competitività, visto che vale per la Coppa del Mondo e il livello delle iscritte sarà altissimo. Poi bisognerà vedere l’evoluzione generale della situazione; è sempre difficile capire cosa sarà confermato e cosa potrà saltare».
Alice Gasparini, come detto, cerca prima di tutto un riscatto personale. Il 2020 comunque per lei è stato un anno importante, visto che si è laureata in Scienze Motorie all’Università dell’Insubria.
«A Ceriale mi piacerebbe sicuramente partire con una bella prestazione – spiega – Penso di essermi preparata bene. Purtroppo non abbiamo potuto fare allenamenti di gruppo per la situazione Covid e non ci siamo potute confrontare tra di noi. Posso solo basarmi su sensazioni personali e sul confronto con gli anni scorsi. Vedremo l’andamento della corsa per poi valutare come agire».
«Non ho lasciato nulla di intentato – afferma la 23enne di Bizzarone – anche perché in questo 2021 voglio rifarmi. L’obiettivo è salire di livello, ho molta voglia di fare; il contesto della mia formazione è molto positivo e con le altre ragazze c’è un ottimo feeling. Da specialista della cronometro, ho puntato su una preparazione che mi dovrebbe vedere in forma tra maggio e giugno, quando sono programmate una serie di gare contro il tempo. E poi, ovviamente, punto ad essere ancora al via del Giro d’Italia femminile, che peraltro avrà una tappa disegnata attorno al Lago di Como: non so ancora se ci sarò, ma farò di tutto per essere convocata e per farmi trovare pronta».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.