Grumello, l’affitto più lungo potrebbe diventare un caso

Allungare il contratto di affitto per completare la riqualificazione del complesso edilizio di Villa del Grumello. Pur tra qualche perplessità legata al ridisegno della geografia politico-amministrativa della sanità lariana.
L’associazione che da anni gestisce Villa del Grumello ha chiesto ai vertici del Sant’Anna di allungare il contratto di affitto in vista di nuovi lavori di ristrutturazione relativi soprattutto alla casa del custode, quella che si affaccia sulla via per Cernobbio.
La richiesta è stata confermata dal direttore amministrativo dell’Asst Lariana, Salvatore Gioia.
«Sì, ne abbiamo parlato – ammette Gioia – ma non abbiamo ancora dato una risposta. Il mandato del gruppo dirigente dell’Asst scade alla fine di quest’anno e stiamo valutando se sia corretto impegnare per così lungo tempo un bene di proprietà dell’Azienda, sebbene con uno scopo a noi favorevole». In pratica, per ammortizzare i lavori di ristrutturazione l’associazione deve necessariamente avere tra le mani un contratto molto più lungo dell’attuale, in scadenza tra 4 anni. Senza questo accordo i lavori non potrebbero mai partire. Il fatto è che le decisioni nell’Asst Lariana non sono soltanto “comasche”. E qualcuno, in Camera di Commercio, ha evidenziato la questione. Villa Grumello è certamente patrimonio del territorio, ma pur sempre nelle mani di una Azienda la cui “testa” è comunque scelta a livello regionale. Chi garantisce, affermano i più scettici, che il complesso non finisca, prima o poi, per essere venduto al miglior offerente dopo che le istituzioni pubbliche comasche si sono svenate per restituirgli l’antico splendore?

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.