Guarracino ricorda il poeta Loi

Vincenzo Guarracino

Vincenzo Guarracino, critico comasco, affida a Facebook il suo ricordo del poeta Franco Loi, recentemente scomparso il 4 gennaio a 90 anni. “È uno degli ultimi grandi testimoni di una stagione forse irripetibile della poesia italiana, Franco Loi, sicuramente tra i maggiori poeti italiani neodialettali dell’ultimo mezzo secolo – scrive Guarracino – assieme ad Albino Pierro e a Tonino Guerra: con una sua precisa peculiarità, quella di aver saputo fare scelte forti e controcorrente (non è un caso che uno dei suoi testi più significativi si intitoli Liber, “libro” ma anche “libero”), sempre però con estrema mitezza, coniugando passione intellettuale e civile, attenzione a un mondo di verità e rispetto delle ragioni profonde dell’io. Nel teatro di una situazione, quale è quella italiana a partire dalla fine degli anni ’60, per lui, di origine sarda ma vissuto a Genova e poi a Milano, il dialetto milanese, quello parlato nella Milano degli anni ’20-’30, diviene una sorta di lingua utopica, l’adozione di un punto di ri-partenza, più che da un luogo originario, da una sorta di identità comunitaria, dove si può esprimere la purezza.È da qui, da questa scelta, salutata fin dagli inizio degli anni ’70 da vivi consensi, anche se non senza contrasti, che ha preso l’avvio un’avventura perseguita fino alla fine, fino all’oggi della sua scomparsa, con grande coerenza, in cui nel tempo ha trovato espressione una profonda coscienza storica assieme a una grande sensibilità letteraria, su una tastiera stilistica estremamente duttile e variegata, di volta in volta realistica, orfica, epica, lirica, sempre fedele alla sua anima profondamente popolare, a una religio delle cose e degli uomini, visti nella loro concretezza e al tempo stesso lievitanti con naturalezza, in virtù di un empito di emozione, in “belessa sena feng nel so pensàss” (“senza finzioni nel suo riflettersi”), così come è condensato anche in un distico di Umber (1992): “Sunt un puèta quand el dì l’è sera, / che véd sa la belessa in due la gh’era”.”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.