Guerra delle multe, nuove proteste in Svizzera. Automobilisti elvetici contro i “solleciti” provenienti dall’Italia

Polizia locale Como

La guerra delle multe tra Italia e Ticino si fa sempre più aspra. Il Corriere del Ticino, ieri in prima pagina, è tornato sull’argomento raccontando le storie dei cittadini elvetici multati in Italia e adesso “rincorsi” oltreconfine da società di recupero crediti.
Una situazione che fa discutere. Anzi, a detta degli esperti intervistati dal quotidiano luganese, senza alcuna base giuridicamente sostenibile. Perché chi chiede il pagamento delle multe rimaste inevase – aggiungendo peraltro sostanziose sovrattasse – non avrebbe alcun diritto a procedere in tal senso.
Ovvio che gli automobilisti e i cittadini svizzeri se ne lamentino. E si rivolgano al Touring Club Suisse per chiedere assistenza e per capire se sia meglio pagare le multe prese in Italia o infischiarsene bellamente.
Una cosa è chiara: allo stato attuale non esiste una regolamentazione in tal senso.
La Svizzera non fa parte dell’Unione Europea e ad essa non si possono applicare le normative comunitarie in materia di riscossione delle sanzioni amministrative.
Lo spiega in modo chiaro il comandante della polizia locale di Como, Donatello Ghezzo, il quale ricorda come «il recupero del credito avviene con questo tipo di società in via stragiudiziale, senza atti esecutivi ma con solleciti di pagamento».
Anche il capoluogo lariano ha stipulato un accordo «con una società che si occupa in una prima fase di recupero stragiudiziale – dice Ghezzo – ma è italiana». Il grande problema, conferma il comandante della polizia locale di Como, è la difformità di procedure e «la carenza di strumenti. Spesso c’è una evidente anti-economicità perché i nostri crediti, le multe, ammontano a poche decine di euro mentre un’azione legale può arrivare a costare anche migliaia di franchi».
In ogni caso, Como ha avviato questo «progetto pilota» consegnando alla società di recupero credito 240 multe. «L’accordo prevede l’esborso di un compenso soltanto nell’ipotesi in cui la multa venga pagata. Abbiamo iniziato a ottobre e abbiamo già incassato qualcosa, i segnali sono positivi», conferma Ghezzo.
La quantità di multe non pagate resta comunque molto elevata. «E a non tirare fuori i soldi non sono soltanto gli svizzeri o gli stranieri in generale, ma anche purtroppo moltissimi italiani», conclude il comandante di vigili del capoluogo.

Articoli correlati

4 Commenti

  • Avatar
    sergio , 9 Aprile 2019 @ 14:41

    Bisognerebbe cominciare a controllare, in frontiera, in modo telematico, tutti gli autoveicoli in transito e porre sotto sequesto coloro che hanno sanzioni pendenti e non saldano subito il dovuto.

  • Avatar
    Antonio , 8 Aprile 2019 @ 10:45

    Basterebbe segnalare i veicoli che non hanno pagato i verbali alle frontiere e bloccarli quando rientrano.
    Se prendi una multa in Svizzera e ti fermano poi che non l’hai pagata non credo che ti stringono la mano. Occhio per occhio….

  • Avatar
    Davide , 8 Aprile 2019 @ 7:31

    Ma non si potrebbe fare come fanno i nostri vicini elveti i e cioè, ti multo, paghi, se non paghi non tocchi l auto. Semplice

  • Avatar
    Alberto , 7 Aprile 2019 @ 14:01

    Gli svizzeri prendono da noi italiani/europei tutto quello che gli conviene e si lamentano delle multe da pagare tra Varese e Como mentre sono ben visibili le scorribande che fanno a 200 all’ora sulle nostre autostrade (vere autostrade non la loro asfittica A2). Perciò pagate sennò state a casa vostra !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.