Henkel, la Regione convoca l’azienda

La sede della Henkel di Lomazzo

«Abbiamo ricevuto la lettera della Henkel in cui si annuncia la chiusura dello stabilimento di Lomazzo. Ho invitato i rappresentanti dell’azienda in assessorato». Sulla grave crisi nella Bassa Comasca dopo la chiusura annunciata dello stabilimento entro giugno, scende in campo l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia, Guido Guidesi. Che, prosegue, ha convocato la Henkel «per aprire un confronto e per mettere a disposizione tutti gli strumenti regionali in un’ottica di salvaguardia dello stabilimento di Lomazzo».
Sul caso ieri è intervenuto anche il parlamentare comasco di Fratelli d’Italia Alessio Butti, che concorda con quanto richiesto dalla prefettura di Como: ogni decisione sulla Henkel di Lomazzo sia posticipata a fine pandemia. «Occorre fermare le bocce – dice Butti – e per farlo le autorità competenti devono, da subito, negoziare con la multinazionale tedesca Henkel ogni eventuale misura. Ma è del tutto chiaro che la crisi Henkel passa sopra le teste di tutti “gli attori locali” poiché la decisione è stata assunta unilateralmente a Düsseldorf. È indispensabile che ad attivarsi in primis sia il ministero degli Esteri, come accaduto in passato su temi del tutto simili. I dossier, le lettere o le interrogazioni possono anche arrivare sui tavoli dei neo ministri, ma non c’è tempo per attivare le tradizionali e interminabili procedure che le strutture ministeriali impongono. Occorre agire ora».
«Possibile – ha poi polemizzato il parlamentare lariano – che solo ora si comprenda lo stato di crisi dell’economia e dell’industria comasca? Da tempo sollecito una diversa e più consapevole presa di coscienza. Il turismo è in ginocchio come commercio e artigianato, ma non sta meglio in tessile in cui auspico un robusto intervento sul governo da parte del Sistema Moda Italia che possa garantire una intelligente regia agli aiuti per il settore ed evitare fughe in avanti, egoistiche e improduttive, dei singoli territori o Confindustrie locali».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.