I non vaccinati sono fuorilegge da oggi. Gli elenchi dovranno essere inviati dalle scuole all’Ats

Vaccinazioni

Scuole e vaccini, ieri era l’ultimo giorno per mettere in regola bambini e studenti e presentare i documenti per le vaccinazioni obbligatorie. In precedenza era sufficiente l’autocertificazione.
La scadenza effettiva indicata dall’ultima proroga era il 10 marzo, slittata a ieri per via del giorno festivo.
Da oggi scattano «le misure che impediscono la frequentazione degli asili ai bambini che non hanno consegnato il certificato di avvenuta vaccinazione e oggi è l’ultimo giorno utile per consegnare i certificati», precisa il ministero della Salute. Ieri erano le ultime ore per presentare i documenti anche a Como. Gli istituti scolastici dovranno fornire all’Ats Insubria gli elenchi delle vaccinazioni ed eventualmente degli studenti non coperti. Il dirigente dell’ufficio scolastico di Como, Roberto Proietto, ha chiarito che le scuole sono autonome in questa procedura e che comunicheranno i dati all’Ats.
«Al momento non è stato segnalato alcun caso di inadempienza, ma non è detto che non ne emergano in futuro», ha spiegato Proietto a Etv.
Soltanto nei prossimi giorni dunque sarà possibile avere un riscontro incrociato tra iscritti e documentazione vaccinale. C’è ottimismo nelle scuole sull’adesione, anche perché è aumentata la copertura dei vaccini. A livello regionale oltre il 95% dei bambini è stato vaccinato con l’esavalente, con un incremento dello 0,2% sul 2017. L’allontanamento scatta per i minori di 6 anni. In tal senso anche il Comune di Como effettuerà una ricognizione sui nidi, come ha spiegato ieri l’assessore all’Istruzione, Angela Corengia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.