I numeri premiano il Como, una macchina da gol. Domani la trasferta con il Pontisola

Calcio. Como Mantova 1-0 Esultanza azzurri

Migliori attacco e difesa del campionato. Mister Marco Banchini, allenatore del Como, ama studiare numeri e statistiche. E sicuramente quelli che riguardano i gol non possono lasciare indifferenti. I lariani ne hanno realizzati 54; seguono il Mantova, a quota 49, e la Caronnese, a 44. Azzurri avanti anche per quanto riguarda le reti subite, soltanto 15; poi c’è il Mantova a 17 e il Villa d’Almè (squadra di metà classifica, a 25). Per il Como la differenza reti è + 39, davanti, ancora una volta, al Mantova (+32) e alla Caronnese (+17).
Ma c’è un altro elemento di sicuro interesse che riguarda proprio le reti segnate, ossia il fatto che la squadra azzurra sia riuscita a spalmarle fra un elevato numero di giocatori della sua rosa. L’ultimo ad entrare in questo speciale club è stato il giovane Pietro Valsecchi, che domenica scorsa allo stadio Sinigaglia ha segnato il gol del 2-1 che ha regalato il successo ai lariani contro la Pro Sesto.
Il capocannoniere della squadra di mister Marco Banchini è il capitano Federico Gentile (peraltro un centrocampista), a segno finora in 15 occasioni. Un bottino che sarebbe potuto essere anche più alto se non fosse arrivato qualche errore dal dischetto.
In questa speciale graduatoria seguono poi le punte della squadra lariana, Alessandro Gabrielloni, a quota 10 e Simone Dell’Agnello, a 7. Con 6 realizzazioni c’è poi il difensore Martino Borghese, tra l’altro autore del gol decisivo nella sfida di vertice contro il Mantova, terminata 1-0 per il Como. I suoi inserimenti in attacco, specie sui calci da fermo, spesso si sono rivelati letali per gli avversari. Stesso numero di reti per Manuel Cicconi, elemento che si è rivelato decisivo dopo essere subentrato a qualche compagno di squadra. Poi si scende a quota 2, dove stazionano un difensore e un centrocampista, rispettivamente Simone Sbardella ed Enrico Celeghin, giocatore giunto la scorsa estate sul Lario dall’Inter, dopo un prestito al Torino.
Sono sei gli azzurri a quota uno anche se in alcuni casi le loro realizzazioni sono state di grande importanza: si tratta, oltre al già citato Valsecchi, del difensore Christian Anelli, degli attaccanti Gabriele De Nuzzo, Giulio Camarlinghi e Francesco Gobbi e del centrocampista Edoardo Bovolon.
Sempre per rimanere in tema di numeri, il Pontisola, che domani ospita la formazione di mister Banchini, ha 29 punti in meno dei lariani, è sesto in classifica e ha una differenza reti di +3 (39 gol fatti, 36 subiti).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.