I sessant’anni di Enrico Todesco, attaccante protagonista nei campionati in serie A

Calcio Enrico Todesco e Massimo Albiero

Ha compiuto ieri sessant’anni uno dei giocatori più amati dai tifosi nel periodo della serie A del Como, l’attaccante Enrico Todesco. Cresciuto nel vivaio di Orsenigo, Todesco (a sinistra nella foto con l’altro ex azzurro Massimo Albiero) è stato uno dei tanti giocatori che sono stati lanciati dallo staff capitanato da Mino Favini.
Il suo ruolo era quello di ala destra, ma spesso fu chiamato a sostenere anche il ruolo di prima o seconda punta, quando le rose non erano allargate come oggi e al massimo a fianco dei due attaccanti titolari – Dan Corneliusson e Stefano Borgonovo – c’erano due punte.
È quello che successe nella stagione 1986-1987, ad esempio, quando mister Emiliano Mondonico si ritrovò a un certo punto senza Dan e Stefano e Todesco fu schierato da centravanti, anche se non era propriamente il suo ruolo. In quella stagione si ricorda anche che a Torino, per avere un colpitore sulle palle alte, fu mandato a fare l’ariete in attacco il granitico difensore Giovanni Guerrini.
Todesco non si è mai sottratto con quella generosità che caratterizzava il suo modo di giocare e che a volte gli impediva di essere lucido sottoporta. In ogni caso si è tolto le sue soddisfazioni in azzurro e non solo: tra i gol più importanti quello del 28 settembre 1986, con il Como che vinse per 1-0 sul campo della quotatissima Sampdoria. Soddisfazione doppia per Todesco, che in precedenza aveva militato anche nel Genoa. Gli altri suoi club sono stati Pisa, Lazio e, a fine carriera, North York Rockets Toronto e Saronno.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.