Il caldo non molla, termometro oltre i 30°. I valori dell’ozono sempre elevati a Erba. Bene in città

Turisti a Como

Il caldo non allenta la morsa. Sono sicuramente lontani i 39 gradi patiti in città e in gran parte della provincia nei giorni scorsi ma in ogni caso la colonnina di mercurio si mantiene su medie molto elevate.
Anche per domani, infatti la barriera dei 30 gradi verrà abbondantemente superata senza alcuna difficoltà con temperature massime che oscilleranno intorno ai 35 gradi e minime che difficilmente scenderanno al di sotto dei 24 gradi. È estate, questo è lampante, ma mai come in questo 2019 il caldo si è fatto sentire con così largo anticipo e facendo boccheggiare i comaschi fin dallo scorso giugno. E parallelamente, nonostante alcuni temporali serali, anche il livello del lago si sta progressivamente abbassando. Ieri infatti il dato rilevato intorno alle 16 indicava in 90.8 centimetri il livello del Lario con una tendenza decisa verso il basso (77.1% il dato relativo al riempimento). Sul fronte dell’inquinamento atmosferico la situazione non è delle migliori. Se infatti a Como, dopo i picchi preoccupanti nei dati sull’ozono registrati a fine giugno, adesso la situazione è migliorata. Da valori superiori al limite di allerta (180 microgrammi per metro cubo) che erano arrivati addirittura a far segnare 250 microgrammi, nell’ultima rilevazione, risalente al 5 luglio, si è registrato un meno allarmante dato di 148 microgrammi per metro cubo. Dove invece la situazione rimane decisamente allarmante è a Erba dove lo scorso 5 luglio l’ozono ha superato la barriera di allerta dei 180 microgrammi arrivando a quota 186.
Una realtà che rimane pericolosamente immutata ormai da oltre un mese come segnalato più volte dal Circolo Ambiente Ilaria Alpi di Alzate Brianza. Tema finito anche in un’interrogazione consiliare della minoranza sempre nel comune di Erba.
A Cantù si è di poco sotto la soglia con 175 microgrammi per metro cubo.
Infine tornando al meteo va detto come gli esperti abbiano prospettato, a partire da martedì l’arrivo di piogge e di un calo deciso delle temperature.
Un passaggio dunque brusco dopo le settimane di caldo rovente appena trascorse che comunque non durerà a lungo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.