Il capitano Andrea La Torre: «I meriti di Cantù: non abbattersi e puntare sulla fiducia reciproca»

Milano Cantù 2019-2020 Andrea La Torre Basket

Fiducia, consapevolezza e concentrazione verso la prossima partita. Sono le parole d’ordine della Pallacanestro Cantù, che è al lavoro per preparare la gara di domenica al PalaDesio contro Brindisi. I brianzoli sono reduci dalla appassionante vittoria in trasferta di domenica scorsa (83-89) al Forum di Assago nel derby contro l’Armani Milano.
Il match con Brindisi è valido per la prima giornata di ritorno del campionato di serie A. All’andata i brianzoli hanno chiuso ottavi, alla pari con Varese e Venezia, mentre i pugliesi hanno chiuso in quinta posizione (assieme a Fortitudo Bologna e Cremona), con soli due punti in più rispetto ai canturini.
Il capitano della S.Bernardo-Cinelandia, Andrea La Torre, fa il punto della situazione al giro di boa. «Noi siamo partiti con un obiettivo ben preciso quando ci siamo messi al lavoro nello scorso mese di agosto – spiega – sapevamo di essere una squadra di gente “ordinaria”, cosa di cui dobbiamo essere orgogliosi. Proprio per questo motivo ci siamo posti il proposito di migliorarci di partita in partita».
«È un traguardo che ci portiamo avanti fin dal primo allenamento – aggiunge il capitano – Finora ci siamo riusciti con impegno: la rosa è giovane, ma sta migliorando anche sul fronte dell’esperienza, come ha dimostrato nelle ultime partite . Siamo contenti per la vittoria ottenuta a Milano, ma dobbiamo dimenticarci subito di questo exploit e pensare già all’incontro di domenica contro Brindisi».
Una crescita costante dopo un inizio di stagione non troppo confortante. «Confermo – spiega Andrea – Nelle prime partite abbiamo passato un momento molto difficile, non riuscivamo a giocare assieme e a concludere a nostro favore le partite che servivano, quelle importanti. Ci siamo compattati con il lavoro e l’abnegazione: ci siamo ripresi tutti assieme da un momento difficile e abbiamo capito che nessuno può risolvere una partita da solo, ma si deve fidare dei compagni di squadra. Questo è stato il passo decisivo che ci ha fatto fare il salto di qualità».
«Abbiamo preso fiducia piano piano, di settimana in settimana – conclude La Torre – e non ci siamo mai arresi quando sembrava che il mondo ci cadesse addosso. Siamo soddisfatti, ribadisco, per aver vinto contro una formazione come Milano, ma il campionato è ancora molto lungo. È appena terminata la prima fase e dobbiamo subito concentrarci sul prossimo obiettivo, la vittoria nel match contro Brindisi».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.