Il cibo è una piccola fonte di felicità. Donarlo è un piacere

Parole come pietre
di Marco Guggiari

Veniamo dalla settimana “Donacibo”. I nostri figli hanno aderito all’iniziativa del Banco di Solidarietà con l’entusiasmo tipico dei ragazzi. Giorno dopo giorno hanno portato a scuola gli alimenti volta a volta richiesti per aiutare le famiglie in stato di bisogno. E pazienza se in casa si assottigliavano le scorte di olio, zucchero e pelati.
La raccolta che si è conclusa oggi metteva quasi allegria, perché il cibo produce allegria: prepararlo, gustarlo, offrirlo è una piccola fonte

di felicità. E non suoni offesa a chi lo attende prima di tutto come necessità vitale. C’è un’ampia fioritura di film che ben rappresentano questo stato d’animo, lontano dall’idea volgare dell’abbuffata. Pietanze ben curate, ingredienti, sapori sono spesso pretesti e occasioni per raffigurare cambiamenti in meglio nell’esistenza delle persone. Per riscoprire sentimenti sopiti, per sciogliere atteggiamenti di chiusura individuale o comunitaria.
Fin qui la fantasia delle pellicole e della letteratura. Poi c’è la realtà, quasi sempre più essenziale e frettolosa. Colpisce però leggere la cronaca vera di Bruno Serato, cuoco italiano e titolare di un rinomato ristorante in California, indicato dalla Cnn nella speciale classifica delle 20 persone che con il loro impegno cambiano il mondo. Tutti i giorni accompagna in un centro di solidarietà 300 bambini che altrimenti non potrebbero cenare e serve loro 20 chili di pasta. «Ogni tanto – ha inoltre detto al “Corriere della Sera” – li porto con me al ristorante perché capiscano che la vita non è solo un centro d’accoglienza». Anche a Como ci sono volontari che combattono una buona battaglia. Aiutarli a vincerla è compito di tutti. Specialmente dei ristoranti che non vogliono sprecare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.