Il Comune vuole comprare 9mila pali della luce
Cronaca

Il Comune vuole comprare 9mila pali della luce

L’assessore Bella: «Piccolo passo verso il rinnovo degli impianti»

È stata approvata nella giornata di ieri dalla giunta del Comune di Como la proposta che porta a intraprendere il percorso per l’acquisizione degli impianti di pubblica illuminazione.

Un passaggio fondamentale in chiave sicurezza, perché permetterebbe di ottenere gli obiettivi posti dall’amministrazione di Mario Landriscina sulla via della maggiore luce in città collegata anche alla eventuale installazione di un numero maggiore di telecamere, soprattutto nelle aree critiche spesso al centro di fatti di cronaca. Passaggio fondamentale in questo senso, come detto, è però quello di acquisire gli impianti di pubblica illuminazione.

«Si tratta di un piccolo tassello per il rinnovo degli impianti», ha spiegato al riguardo, a margine della giunta, l’assessore alla Mobilità e lavori pubblici Vincenzo Bella. Quest’ultimo ha aggiunto che la proposta sarà portata la prossima settimana in commissione e poi all’esame del Consiglio.

L’acquisizione al centro di questa volontà della giunta riguarda circa 9mila punti luce. L’assessore Bella ha infine spiegato che l’intervento di rinnovamento dei punti luce prevede l’inserimento di luci a led che porteranno dunque a un risparmio energetico per Palazzo Cernezzi.

20 luglio 2018

Info Autore

Paolo

Paolo Annoni pannoni@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto