Il consigliere regionale del Pd Angelo Orsenigo in viaggio con i pendolari fra ritardi, treni vecchi e corse cancellate
Cronaca, Trasporti e viabilità

Il consigliere regionale del Pd Angelo Orsenigo in viaggio con i pendolari fra ritardi, treni vecchi e corse cancellate

«I treni lombardi non sono efficienti come qualcuno vuole dipingerli». Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd, comincia così la sua personale “odissea” sui convogli che da Como viaggiano in direzione Milano. È lui stesso a spiegare il motivo di questo particolare viaggio. «Purtroppo questa mattina era prevista una seduta del consiglio regionale dedicata proprio al tema del trasporto ferroviario in Regione ma alla fine è stato rinviato. Il presidente Fontana ha perso un’occasione». E così il rappresentate del Pd è partito ieri mattina da Como San Giovanni e, microfono in mano, ha voluto capire i problemi più scottanti. Primo passaggio di questo viaggio la consegna ai pendolari in attesa del treno di un volantino nel quale appunto si spiegava come fosse saltata la discussione in consiglio proprio sulla situazione del trasporto su rotaia. E in tanti si sono fermati per condividere le opinioni. «Il ritardo è sicuramente ciò che crea i maggiori disagi. Sempre più spesso arrivare dopo l’orario previsto ci impedisce di prendere le coincidenze – racconta una ragazza alla stazione di Como San Giovanni – I treni magari vecchi che si guastano e portano così alla cancellazione di alcuni convogli sono un altro fatto che si ripropone non di rado». Capitolo a parte lo stato delle carrozze e il fatto che «molto spesso sono poche. Basterebbe aggiungerne una paio per consentire a tutti di viaggiare in maniera civile e comodamente. Spesso infatti ci si trova a dover stare in piedi a lungo», spiega un altro giovane incontrato durante il viaggio. Pendolari delusi e arrabbiati anche alla stazione Albate-Camerlata, seconda tappa di Angelo Orsenigo. «Treni in ritardo, stazioni degradate e difficoltà nel trovare i parcheggi sono i problemi più rilevanti di una realtà che è ben diversa da quella che si vuole spesso dipingere – racconta Orsenigo – I pendolari ogni giorno, pur pagando un servizio e le tasse, iniziano la loro giornata alla ricerca di un posto auto e poi spesso viaggiano male e arrivano in ritardo». Un mix di condizioni insostenibili che ormai da mesi i viaggiatori comaschi denunciano in tutte le sedi opportune. Il comitato pendolari Como, molto attivo su questo fronte, tiene anche un report aggiornato sui ritardi. «È una lotta costante contro il tempo – racconta un viaggiatore sulla banchina mentre attende il convoglio – La qualità inoltre potrebbe e dovrebbe essere decisamente migliore rispetto a ciò che viviamo quotidianamente».

23 ottobre 2018

Info Autore

Fabrizio

Fabrizio Barabesi fbarabesi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto