Il documento: perché l’accordo fiscale è «devastante». Per i frontalieri aumenti delle imposte in media del 20%

Dogana frontiera Como Chiasso

«Il nuovo accordo fiscale, così com’è stato impostato dai due Stati, genererebbe per i frontalieri un incremento d’imposta troppo elevato con decurtazioni salariali medie di oltre il 20%. Le stesse stime ufficiali della Divisione delle contribuzioni del Canton Ticino dimostrano che l’accordo produrrebbe un incremento d’imposta totale pari a circa 400 milioni di franchi all’anno interamente pagati dai lavoratori. L’impatto sarebbe a dir poco devastante».
Mentre il governo ticinese e la giunta regionale della Lombardia trattano in modo riservato sulla possibile modifica dell’intesa del 2015 sulla riforma della doppia imposizione fiscale dei frontalieri, il sindacato boccia in toto lo stesso accordo. E lo fa in un lungo documento, redatto alla fine di maggio ma non ancora reso pubblico. Una sorta di promemoria inviato proprio al Consiglio di Stato di Bellinzona e a Palazzo Lombardia e che il Corriere di Como è in grado di svelare.
Nella premessa del documento si sottolinea il paradosso – sin qui mai sciolto – di tutta questa vicenda, ovvero «l’indisponibilità del testo parafato tra Berna e Roma nel 2015». Nessuno, tranne i negoziatori, ha mai potuto leggere l’accordo. Impossibile, quindi, dice il sindacato, fare «un’adeguata analisi delle proposte e degli effetti conseguenti se non in via induttiva». Ecco perché quelle del documento sono piuttosto «attendibili “congetture”» sugli effetti dell’entrata in vigore dell’accordo.
Congetture che tuttavia disegnano uno scenario a dir poco preoccupante, soprattutto per i frontalieri.
Innanzitutto, «il nuovo accordo bilaterale non sarebbe una soluzione equa in quanto andrebbe a pesare soltanto sulle spalle dei lavoratori e dei Comuni italiani di frontiera, producendo benefici unicamente per le amministrazioni pubbliche dei Cantoni e dei governi nazionali». E, come detto, l’aggravio di imposta per i frontalieri sarebbe in media di oltre il 20%. «Devastante», lo definisce il sindacato. Non soltanto per i lavoratori ma, probabilmente, pure per il sistema produttivo ticinese.
«Da più parti – si legge nel documento – si è descritto questo accordo come un’arma potenziale contro il dumping salariale. Le proiezioni di calcolo dimostrano invece che i redditi maggiormente colpiti saranno proprio quelli che si attestano sui livelli svizzeri, che rispondono a loro volta a quei profili professionali di cui il Canton Ticino ha bisogno. Al contrario, l’impatto sui redditi bassi sarà marginale, incentivando paradossalmente la comunità datoriale al lavoro in nero e ad altri fenomeni distorsivi quali i finti contratti a tempo parziale».
Per non parlare dei riflessi drammatici per i Comuni di Frontiera che, perdendo i ristorni fiscali, non potrebbero con ogni probabilità mantenere i servizi gestiti oggi in buona parte utilizzando in parte corrente proprio le rimesse provenienti ogni anno dal Canton Ticino.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.