Il dopo Rossotti, Forza Italia non decide

Consiglio comunale in sala Stemmi

Rientrare o no in giunta? Forza Italia resta al momento nel guado, in attesa da un lato di conoscere le intenzioni del sindaco e, dall’altro, di chiarirsi al suo interno. Mercoledì sera il coordinamento cittadino, aperto agli iscritti, ha discusso la situazione e ha anche approntato una bozza di documento in cui si chiede «una nuova partenza» per la quale sarà necessaria «una riorganizzazione di incarichi e competenze». In buona sostanza, un azzeramento della giunta e un nuovo patto politico tra le forze della maggioranza. Il documento non è stato votato. È invece circolato ieri tra iscritti e consiglieri comunali in attesa di ricevere un visto da parte del commissario provinciale, il quale si è limitato ieri a ripetere quanto già detto più volte. «Dopo le dimissioni dell’assessore Rossotti aspettiamo che il sindaco ci chiami per discutere su cosa fare – ha ribadito Mauro Caprani – alcuni mesi fa noi abbiamo preso una decisione per una serie di motivi. Una semplice sostituzione di Rossotti non avrebbe senso, né politico né amministrativo». Non basta quindi a Forza Italia rientrare con un proprio esponente, ciò che gli azzurri chiedono è un cambio di marcia. Anche i nomi circolati in questi giorni sembra che non abbiano molto significato, dato che – come ricorda il capogruppo forzista a Palazzo Cernezzi, Enrico Cenetiempo, «quando noi siamo usciti dalla giunta era deciso che, in caso di rientro, l’unico punto fermo sarebbe stato Amelia Locatelli».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.