Il Giro 2019 a Como: eventi e gran festa.  Lunga serie di iniziative legate all’arrivo della tappa
Città, Sport

Il Giro 2019 a Como: eventi e gran festa. Lunga serie di iniziative legate all’arrivo della tappa

Como è già proiettata a domenica 26 maggio del 2019, quando sul Lario arriverà la quindicesima tappa, che scatterà ad Ivrea terminerà sul Lario dopo 237 chilometri.
Un fine settimana in cui oltre al Giro di dovrà essere una gestione coordinata degli eventi, visto che in quel weekend si svolgeranno le elezioni europee e a Cernobbio è stato programmato il “Concorso d’eleganza”, che (soprattutto alla domenica con l’apertura al pubblico a Villa Erba) richiama migliaia di spettatori.
Ma, al di là della gestione logistica degli eventi, il dato di base è che il Giro d’Italia è soprattutto una grande festa e come tale va interpretata.
Al di là dell’arrivo ci sarà un vasto contorno di iniziative ed eventi che contribuiranno a scaldare l’atmosfera, non soltanto nelle ore che precedono il finale di tappa, ma anche nei mesi e nelle settimane precedenti.
Il primo passo, a livello locale, sarà la costituzione ufficiale di un comitato di tappa, che farà capo all’amministrazione comunale, che di fatto è l’istituzione che ha chiesto e ottenuto di portare la “Corsa rosa sul Lario”.
Sicuramente ne farà parte Paolo Frigerio, di CentoCantù, l’associazione che già si occupa dell’organizzazione locale del “Lombardia”.
«Ovviamente siamo lieti di poter dare il nostro apporto – commenta Frigerio – per un evento di questa portata. Il nostro compito sarà di dare il meglio per il Giro stesso e per la città, il lago e tutto il territorio che sarà coinvolto».
Iniziative, dunque, del comitato locale e dell’organizzazione di Rcs Sport, che andranno ad incrociarsi in vista del grande evento del mese di maggio.
Sarà sicuramente coinvolto il Museo del Ghisallo, capitanato da Antonio Molteni, presidente dell’omonima Fondazione.
L’ipotesi più plausibile è che una parte dei cimeli abitualmente custoditi nella struttura di Magreglio possa essere trasferita in città per una esposizione nei locali del Broletto nelle settimane che precederanno l’arrivo della tappa.
«Abbiamo avuto questa richiesta – conferma Molteni – La proposta ci piace; poi vedremo come attuare e portare avanti in concreto il progetto».
In occasione della presentazione a Milano, il presidente della Fondazione ha parlato con Chris Froome, vincitore del Giro d’Italia 2018, e lo ha invitato al Ghisallo, ricevendo una disponibilità di massima. «Sarebbe bellissimo avere con noi un personaggio del suo calibro» sottolinea ancora Molteni.
Ci saranno poi le iniziative di Rcs Sport, concatenate all’evento e che di fatto saranno proposte in ogni tappa del Giro 2019.
La prima è il Giro E, gara a tappe per E-Bike, le biciclette elettriche e che si corre sulle strade della “Corsa rosa”. partecipano più di cento fra appassionati, ex professionisti, atleti e ospiti vip.
C’è poi Giro d’Italia-Ride green, che punta a promuovere la raccolta differenziata, avviare a riciclo i materiali raccolti durante la corsa, sensibilizzare e comunicare su questo aspetto.
A Como, al pari delle altre sedi di fine tappa, sarà aperto dalle 14 il villaggio della competizione, allestito in attesa del’arrivo, che dovrebbe essere verso le 17. In questo ambito sono previste le animazioni degli sponsor, premiazioni di progetti riservati ai giovani, altre iniziative dei comitati di tappa oltre alla festa con il vincitore della tappa e con la consegna delle maglie rosa (al capoclassifica), ciclamino (graduatoria a punti), azzurra (miglior scalatore) e bianca (al giovane meglio piazzato). Tra le iniziative, la collaborazione con la Polizia stradale per sensibilizzare i giovani sul tema della sicurezza. Tra l’altro il coordinamento della Polstrada al Giro è affidato a Roberto Campisi, ex comandante a Como, ora dirigente del compartimento regionale. «Saranno schierate una quarantina di persone, 28 motociclisti e 12 al coordinamento» spiega Campisi. Una parte di loro arriverà anche dalla sede di Como, visto che gli uomini che opereranno alla “Corsa rosa” saranno messi a disposizione solo da città lombarde.

2 novembre 2018

Info Autore

Massimo Moscardi

mmoscardi mmoscardi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto