Il pachidermico sistema delle graduatorie

opinioni e commenti di adria bartolich

di Adria Bartolich

A seguito di provvedimenti volti a razionalizzare la spesa pubblica, come la trasformazione delle scuole  in strutture comprendenti  vari ordini di scuola (infanzia, primaria, scuole medie), cioè in istituti comprensivi,  il personale  Ata (collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e direttori generali dei servizi, in altre parole bidelli, impiegati di segreteria e segretari, cioè il personale tecnico e ausiliario) ha  subìto un brusco ridimensionamento sul piano dei numeri. D’altra parte lo scopo principale delle verticalizzazioni era appunto una riduzione di spesa.  In molti casi i lavori di pulizia sono stati appaltati all’esterno e delegati a cooperative.

Tutto ciò  ha contratto vistosamente gli organici del personale Ata, così si chiamano i lavoratori della scuola  che hanno compiti diversi dall’insegnamento. 

Il personale Ata, come gli insegnanti, viene  assunto attraverso graduatorie che prendono in considerazione sia il titolo di studio, almeno il diploma triennale di scuola professionale, sia il punteggio accumulato con il servizio. Anche  in questo caso  siamo nella penosa condizione  di  scorrere le graduatorie, dovere effettuare chiamate e mandare mail per sostituire personale in malattia e per coprire il servizio a  cui spesso non risponde nessuno perchè, esattamente come succede per gli insegnanti, si attende la supplenza annuale e si rifiutano quelle più corte. L’organizzazione del personale Ata  rimane essenzialmente legata a logiche organizzative  anacronistiche. Ai collaboratori, infatti, viene  concessa l’opportunità di essere utilizzati nei servizi di segreteria  sulla base del possesso di un titolo di studio (e del punteggio di servizio, anche se in un’altra posizione lavorativa, all’interno della scuola) e non è mai stata formalizzata una distinzione tra i servizi di pulizia e quelli di supporto alla didattica. Le segreteria spesso sono il luogo nel quale vengono collocati  gli inidonei, cioè  insegnanti  che per qualche ragione fisica o psichica  non riescono più a sostenere il lavoro in classe, a volte   aggravando ulteriormente la situazione  di un servizio nel quale aumenta la  complessità delle mansioni  e il carico burocratico. 

Da anni manca  il personale che non viene sostituito né integrato a sufficienza né formato  adeguatamente in modo da specializzarsi  differenziando le mansioni e gli incarichi.

Il gigantesco e pachidermico sistema delle graduatorie impedisce, nei fatti,  una selezione del personale  che avvenga sulla base delle attitudini e del lavoro effettivamente svolto,  mentre ci culliamo nel mito, che la realtà frantuma quotidianamente, di una supposta oggettività nelle assunzioni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.