Il Pd non riesce a trovare una posizione unitaria

Area Ticosa Santarella

Se la maggioranza sembra poco o nulla interessata al progetto di “Nuova Ticosa”, c’è chi – dall’opposizione – non riesce tuttora a trovare una posizione univoca al suo interno. È il Partito Democratico, che ancora mercoledì ha riunito la segreteria cittadina e i consiglieri comunali nel tentativo di assumere una linea che sia pienamente condivisa.
L’alleanza con Svolta Civica e con Maurizio Traglio pesa molto, ovviamente, almeno in questa fase. Nessuno nel Pd vuole entrare in rotta di collisione con l’ex candidato sindaco del centrosinistra, oggi schierato apertamente a favore del progetto proposto da Officina Como.
Ma l’impasse è un fatto. Il capogruppo in consiglio comunale, Stefano Fanetti, parla di «positivo contributo dei privati che mette in evidenza la latitanza di chi governa la città», ma non va oltre.
Più esplicito il segretario cittadino, Tommaso Legnani, il quale spiega: «Sulla Ticosa la giunta non ha idee o non le ha mai manifestate, al di là della richiesta di un parcheggio. Ed è quindi in difficoltà di fronte a ogni genere di proposta. Tuttavia, non si può nemmeno discutere una cosa così complessa in due giorni».
Anche Legnani parla di «contributo interessante» ma, a proposito dell’ipotesi di concessione secolare del diritto di superficie, dice: «qualsiasi progetto deve stare in piedi economicamente ma non a scapito del pubblico. Bisogna saper conciliare i due interessi, quello dei privati e quello dell’ente locale».
Certo è che nel Pd comasco l’assenza di un’opinione precisa sulla “nuova” Ticosa viene vissuta da molti come un problema. Qualcuno tra i componenti della segreteria provinciale avrebbe chiesto di discutere al più presto l’argomento per uscire da una situazione imbarazzante.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.