di Giorgio Civati, Opinioni & Commenti

Il peso delle critiche e il megafono del web

di Giorgio Civati

Partendo dalla festa promozionale di  Dolce & Gabbana, passando per il film Netflix “Murder Mystery” con Jennifer Aniston e Adam Sandler, fino ad arrivare alla celebrazione del fidanzamento della figlia del magnate indiano Mukesh Ambani, questa estate è stata per Como e dintorni qualcosa di unico. In bene o in male, ciascuno la pensi come vuole; quel che appare evidente è comunque la risonanza per il territorio e la promozione in tutto il mondo del Lario grazie alle tre iniziative citate.  Che, va detto, hanno raccolto anche tante critiche. E di questo forse è il caso di ragionare. Tralasciamo bilanci e conti, meriti e colpe.  A quelli si sono dedicati in molti e molti altri lo faranno ancora. Quel che ci appare ancora una volta evidente è invece che, oggi, esternare opinioni e pareri è ormai facilissimo. Addirittura troppo facile: un click, e un pensiero qualunque è in Rete. Ufficializzato, distribuito, sparato nel web. Semplice e veloce, senza filtri, spesso senza nemmeno il tempo per una rilettura o una riflessione. Troppo facile, appunto, perché anni addietro per dire la propria opinione serviva quantomeno alzare il telefono e trovare dall’altra parte del filo qualcuno disposto ad ascoltare, o magari scrivere una lettera a un giornale o all’amministratore pubblico di turno. Oggi no, non si fa  (quasi) più così:  commenti, post, blog sono diventati la finestra affacciata sulla piazza di Internet. Sempre aperta, senza limiti e, aggiungeremmo, senza ritegno. Internet è sempre di più un “luogo” dove le regole civili e un minimo di educazione paiono non essere valide. È così anche qui, a Como e dintorni, e per questi eventi recenti ci pare che il web abbia assunto il ruolo di megafono del malcontento. Un megafono facile da utilizzare e per di più impiegato quasi sempre da chi è “contro”. Villa Olmo a Dolce & Gabbana? Uno scempio. La città murata bloccata per un film? Assurdo. I fuochi artificiali fino alle 5 di mattina per la bella figlia del ricco magnate indiano? Uno schiaffo a chi vuole dormire. E via di questo passo. Intendiamoci, ogni critica è lecita, nessuno invoca censure e certamente qualcosa per regolamenti e concessioni sugli spazi pubblici della città e sui beni cui i comaschi sono affezionati può essere migliorato. Però guardare alle sole critiche è limitativo. A fronte di molte bocciature, quanti avranno invece apprezzato? E quanti, apprezzando o comunque tollerando in nome di interessi superiori di promozione e di guadagni, non hanno spedito una mail, postato un parere, comunicato a mezzo social? Personalmente siamo convinti che anche di questi tempi esista un numero molto elevato di persone che probabilmente non usa o utilizza poco il web per far valere le proprie ragioni. Quindi anche dare troppa importanza alle critiche senza “pesarle” rispetto all’intera comunità può essere un errore.

1 Ottobre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto