Il Politeama è candidato agli Oscar

altAnche Espansione Tv nei titoli del film di Virzì
Anche Como sogna la notte degli Oscar. Sperando in un momento di gloria che possa risolvere il destino di una nuova “Ticosa” culturale. Il film di Paolo Virzì Il capitale umano, con alcune scene girate all’interno e all’esterno dell’ex cineteatro Politeama in disuso da anni, e altre in Brianza, è in corsa per l’Oscar come miglior film straniero. La commissione di selezione per il film italiano da candidare all’Oscar istituita dall’associazione di cinematografia – composta da Gianni Amelio

, Tommaso Arrighi, Angelo Barbagallo, Nicola Borrelli, Caterina D’Amico, Maria Pia Fusco, Barbara Salabè, Gabriele Salvatores e Niccolò Vivarelli – ha designato Il capitale umano a rappresentare il cinema italiano alla selezione del Premio Oscar per il miglior film in lingua non inglese. Al film ha collaborato anche l’emittente comasca Espansione Tv, fornendo immagini di archivio in cui compaiono la conduttrice Roberta Pagnetti e la giornalista di “Etg” Alessandra D’Angiò (Espansione compare anche nei ringraziamenti dei titoli di coda).
Il percorso è ancora lungo, le nomination per la cinquina si sapranno il prossimo 15 gennaio, ma l’anno scorso iniziò così l’avventura che portò Paolo Sorrentino a stringere tra le mani l’ambita statuetta con La grande bellezza.
E, forse, proprio l’Oscar potrebbe riscattare il regista agli occhi dei lariani e dei brianzoli. Prima dell’uscita nelle sale infatti alcune affermazioni di Virzì legate al territorio avevano acceso le polemiche. La prima per la frase «Como città ricchissima, esprime il degrado della cultura con quel suo unico teatro chiuso». Affermazione poi spiegata dal regista livornese: «Lo so che il Politeama non è l’unico teatro e che a Como c’è anche il Sociale – aveva specificato – Quella frase che è stata riportata è nata da un fraintendimento tra ciò che affermavo io a una giornalista, e quello che dice nel film un protagonista, ovvero “non c’è un teatro aperto in tutta la provincia”». E nel raccontare poi i luoghi scelti per il film, descrivendo la Brianza, Virzì aveva parlato «di paesaggio gelido, ostile, fatto di villette pretenziose», utile a raccontare una storia ispirata a un romanzo omonimo di Stephen Amidon che ritrae la provincia americana.
Comunque sul Lario in molti fanno il tifo per Il capitale umano agli Oscar. La pellicola ha permesso al Politeama di tornare alla ribalta con una querelle che dura ormai da quasi dieci anni. Chiuso dal 2005, poi donato al Comune, che ha l’85% delle quote di proprietà, è attualmente chiuso e in attesa di un restauro il cui costo dovrebbe andare da un minimo di 3 a un massimo di 8 milioni di euro.
«Il Politeama è candidato a essere salvato e l’occasione degli Oscar è eccezionale per restituire il teatro alle nobili funzioni culturali di un tempo», è il commento dell’assessore al Patrimonio del Comune di Como, Marcello Iantorno, che da tempo si batte perché il teatro torni al centro del dibattito culturale e sia recuperato come palcoscenico oltre che come immobile commerciale.
L’anno scorso, il presidente dei Palchettisti proprietari del Sociale, Francesco Peronese, si era detto favorevole all’impegno eventuale del teatro di piazza Verdi in una cordata per far tornare il Politeama ai fasti di un tempo. Intanto Iantorno ha in programma entro l’autunno una serata, cui sarà invitato lo stesso Virzì («Ha un debito verso di noi visto che la città lo ha facilitato per la candidatura all’Oscar», dice Iantorno), per rilanciare il dibattito sull’ex cineteatro di piazza Cacciatori delle Alpi, con autorevoli personaggi della cultura locale e anche gli autori di alcune tesi sulla struttura, opera dell’architetto Federico Frigerio e pionieristica nell’uso del cemento armato sul Lario, oltre che palcoscenico di big dello spettacolo, da Duke Ellington a Vittorio Gassman. «Spero che il clima di rilancio della città, testimoniato anche dall’omaggio voltiano di Daniel Libeskind, possa dare risultati sul fronte Politeama – ha commentato ieri Iantorno – Ci sono contatti con enti e privati interessati al recupero della struttura: la situazione è meno drammatica».
Intanto a conferma dell’attualità del film di Virzì, Il capitale umano tornerà a giorni in edicola con “Repubblica” e “L’Espresso”, dopo essere stato abbinato in dvd a “Panorama” la scorsa estate.

L.M.

Nella foto:
Sopra, il ciak del Politeama in una foto diffusa dall’ufficio stampa della casa di produzione “Motorino Amaranto”. A sinistra una scena del film nell’ex cineteatro con Fabrizio Bentivoglio e Valeria Bruni Tedeschi. Sotto, Virzì sul set a Como (Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.