Il presidente Gelpi sulle strade insanguinate: «Si paga un tributo troppo alto»

«Purtroppo sulle strade si continua a pagare un tributo troppo alto» sostiene Enrico Gelpi, presidente dell’Aci di Como, nel commentare i dati relativi agli incidenti accaduti sul territorio. «Ciò che emerge – aggiunge – è che è sempre il comportamento del guidatore a fare la differenza. «Le automobili hanno un numero sempre maggiore di dispositivi di sicurezza – ha aggiunto Gelpi – ma alla fine ciò che più conta è l’atteggiamento di chi si mette al volante. Ecco perché, come Aci, siamo in prima linea nell’insegnamento del rispetto delle regole fin dalla tenera età, con le nostre iniziative».

Tra queste spicca un corso teorico-pratico riservato alle classi quarte (quindi dei ragazzi che stanno per prendere la patente) dell’istituto Setificio Paolo Carcano con cui sono stati discussi i dati degli incidenti, le cause, ed è stata presentata la campagna “Zero alcool, zero problemi”. Concetti che sono stati sottolineati durante la conferenza stampa dal direttore di Aci Como, Roberto Conforti e da Elena Leonardi, dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada che, come ha raccontato, ha perso il padre, un motociclista, per una vettura uscita in un incrocio senza rispettare una precedenza.

Il viceprefetto di Como Domenico Roncagli si è invece soffermato sull’utilizzo dei dispositivi elettronici delle automobili che possono dare un aiuto importante in termini di sicurezza. «Capita che gli automobilisti decidano di non usarli, come nel caso del limitatore di velocità».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.