Il ritorno dei superpredatori: sul Lario trovano cibo

Insoliti abitanti – Gli esperti confermano: lupi, grifoni, aquile e linci sui nostri monti scovano gli ungulati
Lupi, grifoni, aquile, linci: se davvero fosse confermato il ritorno sul Lario dei superpredatori, la causa di questa inaspettata situazione sarebbe riconducibile alla necessità di cibo, presente in abbondanza sulle nostre montagne sotto le specie di caprioli, cervi e cinghiali.
I superpredatori, spiegano infatti gli esperti, iniziarono a sparire dal Comasco nel periodo di massimo sfruttamento del territorio montano, quando diminuiva il numero degli animali selvatici di cui si cibano.
Leggi l’articolo di Bambace in CRONACA

Nella foto:
Un esemplare di grifone. Questo e altri superpredatori sarebbero tornati su alcuni monti del Comasco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.