Il rosso (contabile) della roulette di Campione

Giorgio Civati editoriali e opinioni banner

di Giorgio Civati

Quella del crack del Casinò di Campione d’Italia è una brutta  storia che può essere definita in molti modi, ma che non può essere certo considerata inaspettata. Ma davvero un’azienda, pur in un settore particolarissimo come quello del gioco d’azzardo, può effettuare investimenti così ingenti per una nuova e faraonica sede?

Veramente gli stipendi e il numero dei dipendenti possono essere slegati dal fatturato e dalla redditività? Questa situazione si è purtroppo protratta per anni e ora siamo, semplicemente, alla resa dei conti. Conti tragici, che coinvolgono il Comune di Campione, anch’esso evidentemente contagiato da questa situazione, con un numero molto elevato di dipendenti. Insomma, che il Casinò dell’enclave italiana in terra elvetica fosse entrato in una spirale di difficoltà non può stupire. Detto ciò, dispiace, e molto, soprattutto per i dipendenti, per l’indotto generato dalla casa da gioco e per il paese intero, che di quello viveva. Siamo invece increduli per il disinteresse generale all’interno del quale tutto ciò è accaduto. Cos’era diventata la casa da gioco? Una risposta speriamo venga data dalle inchieste aperte dalla magistratura. Resta lo sconcerto per una situazione che andava probabilmente vista e corretta per tempo.

L’ultima considerazione che si può fare sul Casinò di Campione d’Italia riguarda tutti noi: comaschi, campionesi e in generale italiani. È la mancanza di spirito critico, la capacità di indignarsi.

Un po’ come per le baby pensioni degli anni Ottanta e dintorni del secolo scorso: tutti a invidiare i fortunati, senza che nessuno si rendesse conto che prima o poi i debiti sarebbero dovuti essere pagati. A Campione d’Italia, tra il rosso e il nero della roulette è rimasto soltanto il rosso. Contabile.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.