Il tempo scorre veloce, viviamolo con pienezza

opinioni e commenti di mario guidotti

di Mario Guidotti

Anche voi ricordate in gioventù pomeriggi interminabili come nella canzone “Azzurro” di Celentano? Vacanze estive che non finivano mai? E poi anni scolastici eterni, Natali inarrivabili. Ora in un attimo è già nuovamente estate, e poi è subito il 25 dicembre. Perché allora il tempo non passava mai ed ora che siamo (quasi) vecchi il tempo vola ed è inafferrabile? È evidente che il tempo fisico non è quello della mente. L’Umanità se lo chiede da sempre. In realtà il passare delle ore, dei giorni, degli anni è sempre uguale, cambia totalmente la nostra percezione. Una volta uno disse:  “Il tempo è come un tubo di carta che si srotola, all’inizio va lentamente, alla fine gira velocissimo”.

La filosofia se ne era occupata nell’800 tramite Paul Janet, professore alla Sorbona e seguace di Hegel, che affermava come il passare del tempo sia elaborato nella nostra mente in proporzione inversa alla lunghezza della vita vissuta fino a quel momento. È così che per un ragazzino di 10 anni un giro del calendario è un decimo della propria esistenza, mentre per un adulto è un cinquantesimo, un sessantesimo e così via.

Ora giunge un’interpretazione scientifica. Ce l’ha fornita Adrian Bejan, professore di ingegneria meccanica della Duke University, e che ha studiato al MIT. Secondo la propria pubblicazione, comparsa lo scorso 18 marzo sull’European Review della Cambridge University Press, la differenza  tra percezione del tempo in gioventù e senilità starebbe nelle diversa velocità (o lentezza, indovinate voi quando l’una o l’altra) con cui le immagini vengono elaborate e percepite nel cervello umano. Il tempo è dato dalle stimolazioni neuronali, tante e veloci in giovane età, lente nell’età avanzata, come la corsa, la digestione (quando c’è ancora), l’udito, la memoria. È così che il cervello giovane riceve ed elabora più immagini durante una giornata, mentre le persone anziane visualizzano un minor numero di immagini nella stessa durata di tempo.

Questo dipende dalla velocità di movimento degli occhi, che acquisiscono più informazioni e le depositano nel cervello, più libero di reti neuronali e circuiti tra le stesse. Poi col tempo il numero di circuiti cerebrali aumenta, ed è proprio questo che ne rallenta lo sviluppo di nuovi. Questo spiegherebbe anche il motivo per il quale sono molto più ricchi i ricordi di eventi giovanili che senili, perché appunto abbiamo la percezione di un vissuto più pieno e più lungo di eventi. Sarebbe quindi l’elaborazione delle immagini che porterebbe a modificare il senso, accelerato o rallentato, del tempo.

In sintesi le lancette di un orologio corrono ugualmente per tutti, ma in un attimo, per dirla come Enzo Biagi, “è già sera”, riferito alla giornata e alla vita intera. Visto però che tutti lo sappiamo e l’Umanità se lo racconta da sempre, sforziamoci di non dare importanza a quanto veloce si svolga la vita, ma a quanto e come la riempiamo e diamo quindi un senso alla stessa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.