Immigrazione, la denuncia di Nessi: «Stranieri in coda privati della dignità»

Questura di Como

«Rendere più accogliente l’attesa di persone già in ansia per le risposte sul riconoscimento dei propri di diritti. Significherebbe riconoscere dignità e qualificherebbe la civiltà delle istituzioni del nostro Paese e della città».
Luigino Nessi, portavoce della Prossima Como e già consigliere comunale, torna a chiedere una soluzione per i tanti stranieri che «ogni giorno, e specie di mercoledì», sono costretti a stare in «fila davanti alla Questura, in viale Roosevelt, per avere informazioni, per presentare o per ottenere i loro documenti e il riconoscimento dei loro diritti. Tante persone vicine, quasi ammassate – dice Nessi – uomini, donne con bambini: una cosa grave, specie in questo tempo di obbligo di distanze a causa della pandemia».
Il punto però, insiste l’ex consigliere comunale, è un altro: «Tutto questo accade da anni, senza che si sia mai cercata una soluzione che renda questo momento, importante per la vita futura di tanti e tante, accogliente. E con la speranza che diventi anche sereno e felice». E invece, «in qualsiasi condizione climatica, sotto il sole così come sotto la pioggia, e magari anche con la neve, la situazione è sempre identica».
«Durante il primo mandato di Stefano Bruni – ricorda Nessi – era stata votata in consiglio comunale una mozione, condivisa da maggioranza e opposizione. Nulla è stato fatto. Servirebbero un luogo più grande, procedure più snelle». Nessi si appella quindi «al prefetto, al questore, al sindaco» e chiede «attenzione soprattutto per le persone che giungono da Paesi lontani».

Articoli correlati

1 Commento

  • Avatar
    Franco Prada , 27 Luglio 2020 @ 13:22

    Andasse a vedere le quotidiane, inenarrabili code fuori l’ufficio postale Como2 di via Milano !!!!
    E complimenti a chi presta le pagine per simili narrazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.