In carcere l’imprenditore Enderlin

INCHIESTA CARIGE A COMO
Ieri l’imprenditore luganese Davide Enderlin è stato arrestato e trasferito nel carcere del Bassone. L’uomo venne arrestato nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Genova su una truffa ai danni di Banca Carige. Dopo 50 giorni nel carcere di Marassi, era stato messo ai domiciliari ad Andora, nel Savonese, e poi a Como. Ieri lo spostamento, dopo che lo scorso martedì era stato diffuso un mandato di arresto internazionale dalla Procura ticinese. La Procura di Genova, che guida l’inchiesta, indicherà nelle prossime ore i passi futuri. Il consigliere comunale di Lugano potrebbe essere estradato in Ticino.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.