In Cina riaprono le scuole, fra gioia e timori

Solo a Wuhan tornano in classe quasi 1

(ANSA) – PECHINO, 01 SET – Molti studenti in Cina hanno cominciato oggi il nuovo anno scolastico in un misto di nervosismo ed entusiasmo. A Wuhan, la megalopoli ex epicentro dell’epidemia di coronavirus, un totale di 2.842 asili, scuole primarie e secondarie hanno riaperto oggi i battenti, accogliendo circa 1,4 milioni di alunni. Secondo Wang Chifu, vicedirettore dell’ufficio scolastico cittadino, gli studenti delle scuole primarie e secondarie a Wuhan devono portare con sé le mascherine, ma non dovranno indossarle in classe. Attualmente il capoluogo della provincia dell’Hubei non registra casi confermati di Covid-19. A livello nazionale, lunedì ci sono stati 216 casi confermati di CovidD-19 in Cina continentale. Sebbene l’epidemia di Covid-19 si sia attenuata in Cina, le scuole di ogni ordine e grado hanno comunque adottato severe misure di contenimento dell’epidemia a salvaguardia della salute degli alunni. Verso le 7 del mattino, gli studenti più grandi della Wuhan No. 49 Middle School sono entrati nel campus per il nuovo semestre. Dopo essersi fatti misurare la temperatura corporea, sono stati guidati nelle proprie classi lungo un percorso appositamente progettato. Dieci minuti dopo sono entrati gli alunni di un altro anno seguendo un altro percorso prestabilito. "La sicurezza e la salute di docenti e alunni rappresentano la nostra massima priorità", spiega Yin Weiguo, un funzionario scolastico. "Un’approfondita disinfezione è stata condotta in tutte le aule, nelle mense, nei dormitori e nei locali per i servizi igienici e verrà effettuata ogni giorno: in ogni classe sono disponibili inoltre dispositivi di protezione come mascherine e disinfettanti per le mani". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.