In due assaltano le Poste di Carimate: i rapinatori scappano con 25mila euro

Operazione dei carabinieri di Fino Mornasco

Il bottino è ingente, anche se deve ancora essere quantificato nel dettaglio. Si tratterebbe comunque di non meno di 25mila euro, fatti sparire dalla cassaforte dell’ufficio postale di Carimate dopo la rapina messa a segno ieri mattina all’orario di apertura. I carabinieri della compagnia di Cantù stanno indagando sull’episodio, avvenuto intorno alle 8.15.
Due uomini, che sarebbero stati ripresi delle telecamere di videosorveglianza dell’ufficio – immagini che sono state acquisite dai militari e che in queste ore verranno passate al setaccio – si sono introdotti in Posta quando non c’erano clienti ma solo due dipendenti, intenti ad aprire le casse. I due rapinatori avevano il volto coperto da un cappellino e dalla mascherina, di quelle usate per proteggersi dal contagio da Covid-19.
Uno dei due malviventi era anche armato e teneva in pugno una pistola.
I banditi avrebbero mirato immediatamente alla cassaforte, ordinando di aprirla. Avrebbero quindi preso quanto era presente, scappando poi dall’ufficio postale.
I dipendenti hanno lanciato l’allarme e sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Cantù. I testimoni non avrebbero riferito di particolari inflessioni nella voce dei due rapinatori, e al momento non è noto con che mezzo i malviventi possano essersi allontanati da Carimate.
Nessuno – ed è la cosa che più conta – è rimasto ferito nel corso dell’assalto. Nell’ufficio postale, come riferito in precedenza, non c’erano ancora clienti in quanto gli sportelli erano in fase di apertura. I militari, dopo aver effettuato il sopralluogo, hanno acquisito le immagini del circuito di sicurezza dell’ufficio postale che ora verranno analizzate. La speranza è che da quei frame possa uscire un dettaglio che permetta di risalire agli autori dell’assalto.
Il bottino deve ancora essere quantificato nel dettaglio, ma come detto non sarebbe inferiore ai 25 mila euro. L’ipotesi è che i rapinatori sapessero che non sarebbero rimasti a mani vuote.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.