In pizzeria senza green pass: multati

I carabinieri in piazza Padania a Erba

Cartellino “rosso” per due clienti senza l’ormai noto “green pass” e per il ristoratore che non l’aveva chiesto all’ingresso. Multa per tutti (400 euro a testa per i clienti, altrettanti per il commerciante) nella serata di martedì in piazza Padania a Erba. L’intervento è stato compiuto dai carabinieri della stazione della cittadina brianzola, che hanno operato in compagnia del colleghi del Nas. Nel mirino è finito il Doner King, attività di pizzeria e kebab che ha tavolini all’interno.
Gli stessi in cui si potrebbe sostare a mangiare solo dopo avere mostrato il “green pass” che tuttavia i clienti non avevano. I due sono stati dunque colpiti dalla sanzione amministrativa prevista per legge quantificata in 400 euro a testa, con la possibilità di pagarne sono 280 saldando entro 5 giorni.
Anche il commerciante è stato colpito dalla stessa sanzione amministrativa. Nel caso dovessero incorrere nuovamente in questo “inciampo”, le sanzioni aumenterebbero.
I controlli sono avvenuti in serata e non si sono limitati a questo. Il locale infatti era privo di altre misure di prevenzione per limitare la diffusione della pandemia da Covid-19. In particolare, non c’era alcun cartello informativo sul numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale ed erano assenti anche dispositivi di protezione individuale, come il gel per la sanificazione delle mani. Per tutti questi motivi, l’attività è stata anche chiusa per cinque giorni.
Secondo la normativa da poco entrata in vigore, nei ristoranti al chiuso per sedersi bisogna essere in possesso del green pass che certifica l’avvenuta vaccinazione con almeno una dose. I ristoratori, come sottolineato dal ministro Luciana Lamorgese, devono verificare all’ingresso il possesso del pass, pena essere a loro volta sanzionabili. Non spetta invece ai ristoratori – ma a «controlli a campione» – il verificare l’effettiva corrispondenza dell’identità della persona che sta per accedere al locale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.