In Ticino il maggior numero di incidenti: 20% in più rispetto alla media svizzera

Targa Canton Ticino

Una statistica della compagnia assicurativa Axa Svizzera mette il Canton Ticino in ultima posizione tra i guidatori rossocrociati. Il motivo? Troppi incidenti, il 20% oltre la media svizzera.

Nonostante le sue dimensioni ridotte, la Svizzera mostra infatti profonde differenze nei comportamenti di guida. Negli ultimi cinque anni i dati dicono che i migliori conducenti sono stati quelli del Canton Uri, gli urani. Nel cantone della Svizzera centrale si sono registrati circa il 20% in meno di notifiche di sinistro. Anche le strade nei Cantoni di Sciaffusa e Lucerna sono sicure, in tema di danni da collisione risultano al -10% rispetto alla media svizzera.

Gli automobilisti peggiori sono proprio i ticinesi. Nella Sonnenstube (così è chiamato il Ticino nella Svizzera tedesca, letteralmente: “salotto soleggiato” ndr) si verifica ogni anno il 20% in più di incidenti rispetto al resto del Paese.
«Mentre negli ultimi cinque anni nel cantone vincente di Uri sono state registrate all’incirca solo 870 notifiche di sinistro, il Ticino ne ha totalizzate 16.900 – dichiara Fredy Egg, esperto di sinistri Axa – L’aumento della frequenza degli incidenti potrebbe essere spiegata, soprattutto in cantoni come il Ticino, dalla presenza di numerose strade strette e con scarsa visibilità che mettono a dura prova gli automobilisti».

L’analisi riguarda il quinquennio 2016 – 2020, ma non si ferma agli incidenti. Che tipo di auto hanno scelto gli svizzeri? Stando all’Ufficio federale di statistica, lo scorso anno si è assistito a un incremento vertiginoso delle nuove immatricolazioni di veicoli a trazione alternativa. Nel 2020 è stato omologato, rispetto all’anno precedente, il 49,8% in più di veicoli a trazione puramente elettrica. Mentre le auto a propulsione ibrida sono il 225,7% in più nelle nuove immatricolazioni. Per quanto riguarda la mobilità “green”, Zugo e Zurigo sono saldamente in testa. In entrambi i cantoni quasi un’auto su cento assicurata dalla compagnia che ha effettuato lo studio ha trazione elettrica. Subito a ruota segue il Cantone di Appenzello Interno, mentre fanalino di coda della classifica è il Cantone di Neuchâtel, con circa il 60 per cento in meno di auto elettriche rispetto a Zugo e Zurigo.

Infine due curiosità: volete sapere quale è stata l’auto più costosa assicurata nel periodo dello studio? Il modello non viene comunicato, si tratta ad ogni modo di un’introvabile auto d’epoca, assicurata sul furto nel Cantone di Vaud per la bellezza 5,5 milioni di franchi svizzeri (5 milioni di euro). E le meno costose? Qui vince ancora il Ticino, con il maggior numero di automobili con un valore sotto gli 11mila franchi (10mila euro).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.