Inaugurato il nuovo ponte di Annone Brianza. Il ministro Toninelli ha parlato anche della variante della Tremezzina

Annone Brianza, Danilo Toninelli

È stato inaugurato questa mattina il ponte di Annone Brianza. Anas ha completato i lavori per riaprire al transito il cavalcavia, in provincia di Lecco, che sovrasta la statale 36 “del Lago di Como e dello Spluga”. Presenti alla cerimonia di inaugurazione il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, l’amministratore delegato e il presidente di Anas rispettivamente Massimo Simonini e Claudio Andrea Gemme, con loro anche il presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli e il sindaco di Annone di Brianza Patrizio Sidoti. Il ponte di Annone è crollato il 28 ottobre 2016 sulla statale 36, al passaggio di un veicolo adibito a trasporto eccezionale del peso di oltre 100 tonnellate, causando una vittima, Claudio Bertini, che percorreva la statale a bordo della sua vettura.
Ad aprile 2017 il Ministero dei Trasporti ha incaricato Anas di progettare e realizzare il nuovo cavalcavia che ha poi avviato tutte le attività necessarie e il 28 marzo 2018 sono stati consegnati i lavori all’impresa. Il varo dell’imponente struttura in acciaio è stato effettuato il 29 maggio 2019. La struttura è lunga 44 metri e pesa 250 tonnellate. Il valore complessivo dell’investimento ammonta a circa 2,8 milioni di euro. Sulla nuova struttura saranno inoltre installati dispositivi per la rilevazione delle deformazioni nonché per il controllo dei veicoli in transito con sistemi di pesatura dinamica e videocamere con lettura-targhe collegate con la Sala Operativa Anas. Il sistema consentirà anche l’archiviazione dei dati in locale e in remoto con la possibilità di tracciare lo storico di tutte le misure eseguite e la gestione di eventuali allarmi derivanti ad esempio dal superamento di alcune soglie imposte. Ieri il ministro Toninelli è poi intervenuto sul futuro di un’opera decisiva per il territorio, anche in vista delle Olimpiadi invernali del 2026 assegnate a Milano e Cortina: la variante ella Tremezzina. «Valuteremo la situazione. Con lo “sblocca cantieri” vedremo come muoverci per questa e tutte le opere infrastrutturali decisive», ha detto il ministro che ha anche comunicato l’impegno del Ministero per lo studio di fattibilità per l’elettrificazione della linea ferroviaria Como-Lecco.
«È un fondamentale passo avanti nella giusta direzione. La Como-Lecco è una linea strategica per il rilancio del territorio. Le potenzialità sono enormi a partire dal sostegno del comparto turistico fino ad arrivare, in prospettiva, alle olimpiadi Milano-Cortina del 2026», ha detto il consigliere regionale del M5S Raffaele Erba.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.