Incendio dell’autobus: tutti a casa i ragazzi finiti al pronto soccorso

Incendio Lierna

Stanno tutti bene e sono già tornati a casa i sette ragazzi della comitiva dell’oratorio di Lipomo che, dopo l’incendio del pullman che li stava trasportando al campo estivo di Livigno, si erano fatti visitare al pronto soccorso dell’ospedale di Lecco. La comitiva era composta da 24 persone più l’autista (tra cui 21 ragazzi) e nessuno ha riportato gravi conseguenze nonostante lo spavento.

Intanto, sui gruppi social, emerge anche il comportamento di un secondo fondamentale personaggio che, con l’autista del pullman, ha contribuito ad evitare il peggio. Si tratta di un volontario dell’oratorio di Lipomo, Giovanni Lo Dato, che sarebbe stato il primo ad accorgersi del fumo che usciva dalla ruota facendo scendere subito i ragazzi con l’aiuto dell’autista della Croce Rossa.

«Mio figlio era a bordo – scrive una mamma sui social – mi ha detto più volte che bisogna ringraziare il signor Giovanni che ha mantenuto i ragazzi calmi e in ordine, li ha fatti scendere e contati più volte» facendoli poi camminare fino all’uscita della galleria. «Confermo – aggiunge una seconda mamma – Anche mio figlio era sul pullman e ha confermato, grazie Giovanni».

L’incendio dell’autobus a Lierna, lungo la statale 36 del Lago di Como, ha intanto gravemente danneggiato la galleria Fiumelatte: i lavori di ripristino degli impianti dureranno circa due settimane e verrà istituito un doppio senso di marcia per circa 12 chilometri mediante un bypass in corrispondenza di Bellano fino a Mandello del Lario. La procura di Lecco intanto ha aperto un fascicolo di indagine sulla vicenda. La polizia stradale ha già depositato una ampi relazione e sono al vaglio i documenti riguardanti il pullman andato in fiamme.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.