Inchiesta pm Aosta: appello, indagine da dichiarazioni false

Sentenza assoluzione Lomgarini

(ANSA) – AOSTA, 05 FEB – La decisione di assolvere l’ex procuratore capo facente funzioni di Aosta, Pasquale Longarini, ora giudice civile a Imperia, non è "stata assunta con riferimento" alle argomentazioni della sua difesa, "ma neppure prendendo a base i rilievi degli operanti, la credibilità dei quali, come risulta da quanto motivatamente si è argomentato, è alquanto scarsa". Lo scrive la seconda sezione penale della Corte d’Appello di Milano nelle motivazioni della sentenza con cui il 5 novembre 2020 ha confermato l’assoluzione "perché il fatto non sussiste" di Longarini, che era accusato di induzione indebita a dare e promettere utilità, rivelazione di segreto d’ufficio e favoreggiamento, nell’ambito di un procedimento per il quale il 30 gennaio 2017 era finito ai domiciliari. Assolti con lui anche il grossista alimentare Gerardo Cuomo e l’albergatore Sergio Barathier. "Basterà ricordare qui", scrivono i giudici, "che il presente procedimento è stato originato da quanto è stato riferito, contrariamente al vero", da un investigatore a un inquirente, "e cioè che Longarini aveva chiamato personalmente Barathier invitandolo a scegliere come fornitore dell’Hotel Royal & Golf Cuomo, per poi precisare che Barathier era indagato da Longarini". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.