Incidente ferroviario a Inverigo. Arrivano i primi due indagati

Scontro treni a Inverigo

Ci sarebbero due nomi sul registro degli indagati della Procura di Como dopo l’incidente ferroviario della scorsa settimana a Inverigo. Si tratterebbe dell’apprendista macchinista e del suo tutor che si trovavano sul convoglio in partenza dalla stazione e che non avrebbe rispettato il semaforo rosso. La svolta – nel fascicolo che era stato aperto dal pm Daniela Moroni con le ipotesi di reato di disastro ferroviario colposo e lesioni colpose.
Il magistrato ha approfondito quelle che erano state le conclusioni della Polfer, che aveva ricostruito la dinamica dell’accaduto, e della polizia scientifica che aveva passato al setaccio le immagini delle telecamere che avevano ripreso l’accesso e l’uscita dei treni dalla stazione di Inverigo.
L’impatto tra i due treni era stato frontale, nel punto in cui i binari – lasciata la stazione di Inverigo – da due diventano uno solo.
Coinvolti un convoglio partito da Milano Cadorna e diretto ad Asso e uno che viaggiava in direzione opposta. Su uno dei due locomotori coinvolti nell’incidente, come aveva confermato la stessa Trenord, era presente anche un allievo della scuola macchinisti.
Erano stati una cinquantina i passeggeri rimasti contusi. Sette invece i feriti trasportati in ospedale, sei dei quali in codice giallo. La persona in condizioni più serie era stata una 25enne di Melegnano, con un trauma addominale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.