Industria:Radoccia(Ey),su farmaceutica Italia batte Germania

Settore in controtendenza

(ANSA) – ROMA, 18 SET – "Il settore dell’industria farmaceutica è andato bene, la produzione presenta ricavi superiori ai 32 miliardi di euro e occupa circa 66 mila dipendenti. Si tratta di un fiore all’occhiello del sistema Italia, una produzione che si pone al di sopra di quella tedesca sia per ricavi generali che in termini di eccellenza". E’ quanto afferma la responsabile dei mercati dell’area mediterranea di Ey, Stefania Radoccia, intervenendo al digital talk ‘Italia Riparte’, che prende le mosse dallo studio dedicato alle ‘Life Sciences’ condotto da Ey insieme a Cassa depositi e prestiti e Luiss Business School. Non a caso, sottolinea Radoccia, "le stime dei ricavi per le aziende del comparto farmaceutico vanno in controtendenza, con una crescita che va da un aumento dell’1,3% fino a un rialzo del 2,3%". Insomma, riassume usando un gioco di parole, "il settore farmaceutico è un settore in salute". C’è tuttavia da considerare, e il Covid ce lo dimostra, come il comparto dipenda "dalla creazione di principi attivi, cosa che si fa in Cina ed india". Ecco che, precisa, la questione non verte su ciò che succede adesso ma conta quel che avverrà "in prospettiva". Passando al settore dei dispositivi medici, "questo sviluppa più di 16 miliardi di fatturato, con una crescita che va anche oltre rispetto a quella del settore farmaceutico: dal +3,3%, al +4,2%. E non è – evidenzia Radoccia – un settore per cui il Coronavirus ha creato problemi di produzione, come nella farmaceutica si è fatto picchiamo ricorso alla cassa integrazione. Ma anche qui c’è la dipendenza dal settore pubblico". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.