Influenza, sono già 44mila i comaschi vaccinati. Il picco del virus è previsto durante le feste
Sanità, Territorio

Influenza, sono già 44mila i comaschi vaccinati. Il picco del virus è previsto durante le feste

Campagna vaccinale contro l’influenza chiusa, mentre il virus si diffonde lentamente sul Lario. Il picco della sindrome, secondo gli esperti, è ad ogni modo atteso durante le feste, tra Natale e Capodanno. La segnalazione proviene dai bollettini pubblicati dall’Istituto superiore di sanità (Iss). Durante la 48ª settimana del 2018 (che si è chiusa il 2 dicembre), l’attività dei virus influenzali è stata ai livelli di base. Il numero di casi stimati nella settimana è stata su scala nazionale di circa 152mila, per un totale, dall’inizio della sorveglianza stagionale, di circa 647mila. L’incidenza totale è a 2,52 casi per mille assistiti, mentre la soglia che segna l’inizio del periodo epidemico viene fissata a 2,74.
In Lombardia il livello è leggermente superiore, così come in Piemonte, nella provincia autonoma di Trento, Toscana, Umbria, Abruzzo, Campania, Calabria e Sicilia. Fino a questo momento i soggetti più colpiti sono stati i bambini tra 0 e 4 anni, con 6,55 casi per mille assistiti, cui seguono con valori simili quelli nella fascia di età 5-14 anni (2,57) e gli adulti tra i 15 e 64 anni (2,59). Più bassi finora i valori rilevati tra chi ha più di 65 anni (1,27 casi per mille assistiti).
Per quanto riguarda la nostra provincia, i comaschi che hanno scelto di effettuare l’iniezione preventiva sono quasi 44mila, in gran parte over 65. Quasi 3mila pazienti hanno scelto di affiancare la vaccinazione contro l’influenza a quella antipneumococicca, offerta ai nati nel 1952 e 1953.
In un mese, secondo gli ultimi dati raccolti dall’Ats Insubria, nell’ambito delle strutture dell’Asst Lariana sono 43.781 le persone vaccinate, delle quali oltre 37mila tra gli over 65 e poco più di 6mila appartenenti alle categorie a rischio, alle quali il farmaco era offerto gratuitamente.
Tornando ai dati nazionali, durante la settimana a cavallo tra novembre e dicembre, circa l’86% delle persone colpite da casi di sindrome simil-influenzale ha riferito di non essere stato visitato da un medico del Servizio sanitario nazionale. Le persone hanno insomma scelto di curarsi con i cosiddetti farmaci da banco, ovvero medicinali la cui dispensazione al paziente può avvenire senza la presentazione di ricetta, come il paracetamolo. I casi gravi sono però in aumento, rispetto alle attese, sempre su scala nazionale.

8 Dicembre 2018

Info Autore

Paolo

Paolo Annoni pannoni@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto