L’81% dei comaschi soffre di stress. Le cause principali: difficoltà economiche, lavoro e salute
Sanità

L’81% dei comaschi soffre di stress. Le cause principali: difficoltà economiche, lavoro e salute

L’81% dei cittadini comaschi spiega di essere troppo stressato, sottoposto a un carico di pressioni, incombenze e preoccupazioni che riduce la qualità della vita e arriva molte volte a incidere negativamente su salute, lavoro e relazioni sociali. I dati emergono quanto emerge dall’ultima ricerca dell’Osservatorio di Reale Mutua relativa al welfare.
Le principali fonti di stress per gli abitanti di Como – spiega la ricerca – sono le difficoltà economiche (63%) e il lavoro (63%). Seguono, in terza posizione, i problemi di salute (60%), la relazione con il partner (29%), infine la gestione e l’educazione dei figli (27%).
Tra i disturbi correlati allo stress e che più condizionano l’esistenza dei comaschi, vi sono l’eccessiva stanchezza, spesso generata da insonnia (54%), gli sbalzi d’umore (50%), la tensione muscolare (29%) e la tachicardia o l’emicrania (19%).
Come gestire, allora, tutto questo stress? In generale, ha risposto il 44% dei cittadini lariani, il rimedio principe è un’attività fisica regolare. Tra le discipline considerate più efficaci, il 53% si affiderebbe ad attività rilassanti come yoga, pilates e meditazione, il 49% sceglierebbe il nuoto e il 43% la corsa.
Ma oltre allo sport, secondo gli abitanti di Como è possibile combattere gli effetti negativi attraverso l’alimentazione, ad esempio bevendo infusi e tisane (52%) e sedute di fisioterapia e massaggi (38%), ma anche frequentando centri termali (27%). Per un ulteriore 8%, infine, la soluzione è ricorrere ai farmaci.
Se l’attività lavorativa è fonte di stress secondo quasi due comaschi su tre, la prima causa scatenante è la carenza di tempo per sé (50%), seguita dalla mancata realizzazione professionale (46%), che aumenta il senso di inadeguatezza e insuccesso, e dall’insoddisfazione economica (46%), dovuta a una remunerazione insufficiente e comunque non in linea con aspettative. Tra le altre fonti di stress, i carichi e ritmi di lavoro spesso pressanti (40%), il clima competitivo all’interno dell’azienda (29%), che porta a vivere in modo non sereno l’ambiente di lavoro, e in egual modo il pendolarismo.
Ma cosa può fare una azienda per venire incontro ai suoi dipendenti? In cima ai desideri dei comaschi, la flessibilità oraria e lo smartworking (60%), che permettono una migliore conciliazione dei tempi e degli impegni lavorativi con quelli della vita privata. Il 33% vorrebbe usufruire di un abbonamento a un centro fitness e un ulteriore 29% chiede che venga messa a disposizione un’apposita sala relax.

27 Novembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto