Intanto il “salotto buono” langue tra progetti mai nati

alt L’altro tema caldo
Piazza Cavour piace a pochi, ma la riqualificazione resta ancora lontana

Non soltanto di piazza Verdi ha parlato l’assessore Daniela Gerosa nel recente dibattito sugli spazi pubblici della città. Anche il salotto buono di Como, piazza Cavour, è stato sonoramente bocciato, a partire dagli enormi alberi che chiudono ai lati l’area. Il punto, però, è che, sebbene le critiche all’aspetto del luogo si ripetano pressoché unanimi da anni, a oggi il Comune non ha un centesimo da

investire per il ridisegno e nemmeno un progetto concreto nei cassetti. Eppure, nell’arco degli ultimi 3 anni, qualche spunto per ipotizzare una veste diversa della piazza era arrivato.
Nel 2010, toccò all’architetto milanese Cino Zucchi – vincitore del concorso internazionale di idee per ridisegnare il lungolago di Como dopo il caso del muro – ipotizzare una decisa modernizzazione del salotto buono. Nuove aiuole, niente alberi a grosso fusto, pavimentazione in pietra grigia e nuove torri circolari per l’illuminazione erano i punti forti. Il tutto, coniugato all’idea di realizzare lo sbocco verso il lago a forma di conchiglia. Di questo progetto, però, non si farà nulla per i costi complessivi (circa 6 milioni).
Più attuale è l’ipotesi fatta dai tecnici del Politecnico di Como nel contesto del progetto preliminare per l’aspetto definitivo di tutta la passeggiata   a lago. Il rendering è minimale a ipotizza un grande spazio libero, ornato soltanto da qualche macchia verde e da una sorta di piattaforma rialzata per godere di una vista migliore sul lago e, forse, per ospitare concerti. Ora, però, l’urgenza del Comune è finire il lungolago e solo dopo, semmai, interverrà sulla piazza.

Nella foto:
Il rendering sul futuro lungolago che ipotizza anche un nuovo assetto per piazza Cavour

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.