Iran: 134 premi Nobel,rilasciate Djalali

Amnesty rilancia appello per il ricercatore che lavorò a Novara

(ANSA) – ROMA, 18 DIC – In una lettera aperta, 134 premi Nobel hanno invitato la Guida suprema iraniana Ali Kamenei a garantire che Ahmadreza Djalali, esperto di Medicina dei disastri e assistenza umanitaria ed ex ricercatore presso l’Università del Piemonte Orientale di Novara, condannato a morte in Iran con l’accusa di "spionaggio", "possa tornare a casa da sua moglie e dai suoi figli e continuare il suo lavoro accademico a beneficio dell’umanità". Lo rende noto Amnesty International aggiungendo che oltre 160.000 persone hanno già firmato l’appello sul sito amnesty.it. Djalali – ricorda l’organizzazione a tutela dei diritti umani – stava lavorando al Karolinska Institute di Stoccolma prima di essere arrestato, nell’aprile 2016, dai servizi segreti mentre si trovava in Iran per partecipare a una serie di seminari nelle università di Teheran e Shiraz. Le autorità iraniane hanno fatto forti pressioni su Djalali affinché firmasse una dichiarazione in cui "confessava" di essere una spia per conto di un "governo ostile".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.