Iran: ferma condanna Ue per esecuzione wrestler

'Pena morte è punizione crudele e disumana'

(ANSA) – BRUXELLES, 14 SET – L’Unione europea "condanna con la massima fermezza", l’esecuzione di Navid Afkari, 27 anni, giustiziato in Iran il 12 settembre, dopo essere stato condannato per aver ucciso una guardia di sicurezza durante le proteste antigovernative nel 2018. Così in una nota il portavoce del servizio di azione esterna della Ue, ricordando che i "diritti umani rimangono una caratteristica centrale del nostro impegno" con l’Iran. "Continueremo a impegnarci con le autorità iraniane su questo tema, anche attraverso la rappresentanza locale dell’Ue a Teheran e anche su casi individuali come questa recente esecuzione", precisa il portavoce. L’Unione Europea è "contraria alla pena di morte in tutte le circostanze e casi senza eccezioni. È una punizione crudele e disumana, che non funge da deterrente e rappresenta un’inaccettabile negazione della dignità e dell’integrità umana", conclude la nota. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.